NU’ TRACKS Festival: Arsene Duevi in Domus Ars

PUBBLICITA

NU’ TRACKS Festival –  Arsene Duevi in concerto sabato 8 giugno al Domus Ars Centro di Cultura.

Comunicato stampa

“Nu’ Tracks, Vibes from the World” è una rassegna/festival itinerante che, col patrocinio del Comune di Napoli ed in collaborazione con “Cuore di Napoli”, porta autentici esempi di world music in differenti punti della città. Dopo l’inaugurazione di aprile al Teatro Bolivar, con la musica popolare dei pugliesi Kalàscima, e l’appuntamento di maggio all’INAF – Osservatorio Astronomico di Capodimonte con le napoletane SesèMamà, volge al termine il festival dell’accoglienza e della contaminazione culturale e musicale con un ospite che ne incarna a pieno lo spirito: il poliedrico Arsene Duevi – proveniente dal Togo, è oggi cittadino italiano – si esibirà a Napoli sabato 8 giugno alle ore 20,30, presso il Domus Ars Centro di Cultura in via Santa Chiara 10 (ingresso 10 euro).

“Nu’ Tracks vuole incoraggiare l’incontro e lo scambio tra culture – spiega Stefano Scopino, ideatore ed organizzatore della rassegna –, scambio in cui gli artisti, sia italiani che stranieri, vengono coinvolti e stimolati dall’esigenza di contaminare i propri linguaggi e dialogare. La filosofia alla quale ci siamo ispirati è quella dell’evento unico ed irripetibile, provando ad accendere un riflettore su luoghi, progetti artistici e attività etiche che agiscono ai margini dei circuiti commerciali. Il pubblico, dunque, è invitato a guardare con curiosità ciò che già esiste e che, tuttavia, resta poco noto”. 

Per questa terza data, #NUTRACKS Festival sposa il lavoro svolto da Centro Servizi Senaso SRL (Senegal – Napoli – Società) e dell’associazione Hamef Onlus col fine di dare sempre più valore all’interscambio culturale e alle relazioni sociali.

LA PROGRAMMAZIONE ARTISTICA:
Kalàscima – Giovedì 4 Aprile 2019 al Teatro Bolivar
SesèMamà – Venerdì 24 Maggio 2019 all’INAF – Osservatorio Astronomico di Capodimonte

Arsene Duevi – Sabato 8 Giugno 2019 al Centro di cultura Domus Ars
Arsene Duevi (Togo/Italia) è il rappresentante dello scambio multiculturale del festival e del potere della musica come veicolo di integrazione. Si tratta di un artista poliedrico: bassista, chitarrista, cantante, direttore di coro, compositore ed etnomusicologo, arrivato in Italia nel 2002 dal Togo, è oggi cittadino italiano. Considerato uno sciamano musicale, nel secondo disco a suo nome Haya – Inno alla Vita (Musicamorfosi 2016) presentato al Parco della Musica di Roma e al Blue Note di Milano canta in lingua Ewè, Italiano e Francese alternando rivisitazioni afro di brani di Fabrizio De Andrè e Boris Vian a brani originali con un preciso messaggio che arriva diretto dal sud del mondo: scegli la vita, non farti usare dai soldi, non darti per vinto, lasciati abbracciare, alzati, canta e fai sentire la tua voce in un mare di voci. Haya in Ewè significa “gioisci” ed è il suo nuovo emozionante Inno alla Vita. Arsene ha cantato dal vivo a Rai Radio Uno (Sterenotte), Rai Radio Tre (Battiti e Piazza Verdi) e Radio Popolare. Arsene è stato ospitato in prestigiosi palchi e festival: i Suoni delle Dolomiti, Mi.To (Settembre Musica) Auditorium Parco della Musica a Roma, Suoni Mobili, Atlantic Music Expo (Capo Verde), Blue Note Milano ecc.

PUBBLICITA
PUBBLICITA

Leggi anche

Napoli, accoltellato alla gola 21enne all’Arenella, l’ombra della droga sull’episodio

Emergono nuovi dettagli sul ferimento di un 21enne a Napoli Dopo una lite tra giovani, un uomo sulla cinquantina ha aggredito con un coltello un...

Napoli, nuovo cedimento stradale al Vomero

Non c'è pace per il Vomero anche se il danno di ieri è poca cosa rispetto alla voragine dei giorni scorsi Ieri pomeriggio è stato...

Giornalisti quasi disoccupati al Teatro Ridotto di Salerno

Teatro Ridotto di Salerno, Giornalisti quasi disoccupati, un nuovo appuntamento targato Che Comico, la stagione 2023 – 2024 ideata dalla Gv Eventi di Gianluca e Valentina Tortora

Castellammare di Stabia, il Museo Archeologico di Stabia riapre i battenti

Percorso espositivo ampliato, aree di deposito accessibili ai visitatori e un innovativo centro di formazione e digitalizzazione. La nuova veste del Museo Archeologico di Stabia Libero D'Orsi

Ultime Notizie

PUBBLICITA