Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
0 0 Voto
Vota Articolo

Chi di noi non ha mai utilizzato Google Maps per raggiungere un negozio, un indirizzo o semplicemente per calcolare le distanze da un luogo all’altro? Tutti o quasi tutti, ma c’è chi è rimasto letteralmente folgorato dalla funzione Street View tanto da avviare un insolito, ma interessante progetto: Napoli Street View.

Napoli Street View, la vita urbana di Napoli raccontata con l’occhio di Google Maps

Promotore del progetto Napoli Street View è Antonio Camerlingo. La sua iniziativa ci ha incuriosito non poco e per questo lo abbiamo raggiunto telefonicamente per saperne qualcosa di più. Ecco cosa ci raccontato Antonio.

  • Come nasce l’idea di raccontare la vita urbana di Napoli attraverso le immagini di Google Maps?

Questa idea nasce un po’ per gioco e un po’ per caso. Io sono un grafico/fotografo e amo in modo spropositato la mia città che è Napoli. Ho unito le due cose: l’occhio del fotografo ed il cuore del cittadino innamorato e così, in maniera naturale, è nata Napoli Street View. 

Di Google Maps ne facevo un uso privato, così come fanno tutti; poi, un giorno, mi sono accorto che l’occhio di Google riesce a catturare immagini piuttosto insolite, a volte comiche; così mi sono incuriosito e ho iniziato a salvarle; ma più viaggiavo virtualmente tra le strade di Napoli e più immagini improbabili mi si paravano dinanzi agli occhi. Così ho iniziato a raccoglierle e a catalogarle.

Naturalmente è uscito il buono e il cattivo di Napoli.  Occorre una certa sensibilità nel catturare le immagini. Napoli è una città che regala, ma anche che toglie molto.

Napoli Streer View

  • Da dove partono le tue ricerche? Qual è il criterio che utilizzi per scovare il giusto fermo immagine?

Ora ho una mappa mia ben precisa. Sono partito da Napoli città, ma poi sono passato a visualizzare anche la periferia, i comuni limitrofi e le altre province come ad esempio Caserta. Cerco di trovare delle inquadrature ottimali come farebbe un regista. Le immagini catturate le conservo poi suddivise in quattro categorie: Arte, Amore, Curiosità e Legalità.

  •  Cosa è emerso da questo tuo progetto? Di cosa ti sei accorto “spiando” l’anima della città?

Come dicevo, è emerso il bello e il brutto delle nostre zone. Ho scoperto ciò che, in realtà, è già sotto gli occhi di tutti perchè in fondo non sono io a puntare l’obiettivo, ma Google. Io ci ho messo solo una lente di ingrandimento e la mia sensibilità e ciò che ne è saltato fuori è stata una sorta di magia in alcuni casi e purtroppo, di orrore in altri.

  • Qual è lo scopo di questo tuo progetto?

Come ti dicevo, io amo profondamente la mia città e mi piacerebbe che questa mia “lente di ingrandimento” potesse gettare il giusto seme nelle coscienze di tanti, ma soprattutto in chi ci governa. La natura è stata generosa con Napoli e la Campania; abbiamo il”grosso”; in alcuni casi basterebbe curare i “dettagli” che dettagli, tra l’altro, non sono; in altri casi bisognerebbe prontamente intervenire. Ecco, lo scopo del mio progetto è  quello di risvegliare le coscienze affinchè si possa sperare in un autentico cambiamento culturale e in un riscatto sociale.

Non ti nascondo che questo mio progetto di sviscerare Napoli e dintorni attraverso degli scatti è stato molto contestato e in alcuni casi anche ostacolato. Le foto raccontano meglio, in maniera più diretta, più impattante, la realtà di un luogo e la cosa non fa piacere a tutti. Ultimamente, però, sto vivendo una sorta di riscatto; c’è chi ha scoperto il mio progetto e lo ha molto apprezzato. Per ora non ti dico altro, però posso dirti che ci sono diverse cose che “bollono in pentola.”

 

(Foto tutte di Antonio Camerlingo, estrapolate da Google Maps)

Print Friendly, PDF & Email
0 0 Voto
Vota Articolo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Clicca qui e lasciaci un commento! Grazie.x
()
x
Enable Notifications    Ok No thanks