“Sei parte di me”, non solo un modo di dire. Lo rivela la Scienza. Il fenomeno del microchimerismo

PUBBLICITA

Il legame tra madre e figli è qualcosa di speciale, di unico, così profondo da essere quasi indefinibile. A spiegarcelo in parte è la scienza. Infatti, non tutti sanno che, durante il periodo della gravidanza, un piccolo numero di cellule del feto attraversa la placenta ed entra nella circolazione sanguigna della mamma. La corsa delle cellule fetali termina in alcuni organi e tessuti della mamma in cui vanno ad annidarsi. Il fenomeno viene chiamato microchimerismo fetale. 

Tali cellule annidate nei tessuti e negli organi della madre vi rimangono per oltre trent’anni (e forse più) così come rivelano diversi studi. Il fenomeno pare sia maggiormente accentuato nelle gravidanze gemellari.

Probabilmente tutti noi conserviamo cellule acquisite dalla madre durante la gestazione, e le donne che hanno avuto una gravidanza conservano cellule venute dal feto. Le cellule acquisite possono persistere per decenni, e sono in grado di risiedere stabilmente all’interno di un tessuto, entrando a far parte integrante degli organi del corpo. (da Le Scienze)

Va precisato che il microchimerismo non si verifica sempre. Inoltre, esiste anche il microchimerismo materno, ovvero il rilascio di tracce di cellule della madre al bambino.

Tutto ciò è stato scoperto nel corso di alcune autopsie. In alcune donne, infatti, sono state trovate tracce di DNA maschile. Esclusi i casi di trapianti o trasfusioni, l’ipotesi  più acreditata fu che il DNA maschile appartenesse ad un figlio. A seguito di ulteriori studi ed approfondimenti si arrivò a capire che il DNA maschile era legato al passaggio cellulare  avvenuto durante la gravidanza.

“Sei parte di me” non è dunque solo un modo di dire.

Buona Festa della Mamma a tutte!

PUBBLICITA
PUBBLICITA

Leggi anche

Napoli, vicino il rientro di Osimhen

Buone notizie per il Napoli, per la partita a Bergamo contro l'Atalanta Walter Mazzarri potrebbe avere a disposizione Victor Osimhen. Il centravanti nigeriano infatti...

Ridley Scott tra ricostruzione storica e “licenze poetiche”: Napoleon, trama e recensione

Dopo l’esecuzione di Maria Antonietta nel 1973 l’ufficiale dell’esercito francese Napoleone Bonaparte (Joaquin Phoenix) viene scelto per guidare con successo l’Assedio di Tolone contro...

Angri arriva un nuovo calciatore

Angri la società comunica il volto di un nuovo arrivato con un comunicato ufficiale. Un colpo importante da parte della società: 𝗖𝗜𝗥𝗢 𝗗𝗘 𝗙𝗥𝗔𝗡𝗖𝗢 𝗡𝗨𝗢𝗩𝗢...

Christophe Mourey: “Ho ritrovato in Napoli, la città che avevo sognato da bambino”

Christophe Mourey ha presentato il suo libro "FurOri Azzurri" alla seconda edizione delll' International Sport Film Festival; un libro decisamente originale in cui l'artista ha ritratto diversi calciatori del passato e del presente del Calcio Napoli nel momento di massima esultazione.

IN PRIMO PIANO

PUBBLICITA