IGP: si parte dal carciofo di Paestum

PUBBLICITA

Il settore ortofrutticolo e i suoi IGP

La piana del Sele sembra essere il luogo deputato, per le sue condizioni pedo-climatiche, alla coltivazione del carciofo che ha ricevuto l’ Indicazione Geografica Protetta nel 1992; eppure le sue origini si attestano molto più indietro sulla linea del tempo rispetto alla bonifica del terreno avvenuta negli anni Venti del secolo scorso; risale, infatti, all’Ottocento la testimonianza del Cassese e siamo ancora nell’epoca in cui esso veniva designato come “carciofo di Castellammare di Stabia”. In seguito, la diffusione di tale coltivazione nei campi adiacenti la zona dei Templi ha fatto sì che il prodotto venisse denominato carciofo tondo di Paestum.

Attualmente esso viene coltivato in un’ampia zona che, nella provincia di Salerno, va da Agropoli fino a Serre ed è sempre qui, negli stabilimenti presenti all’interno del territorio ricadente nella zona di produzione del “Carciofo di Paestum, in ottemperanza al disciplinare di produzione, che va svolta l’attività di  cernita, di calibratura e di lavaggio, secondo le tecniche già acquisite localmente. Rispetto ai parenti della famiglia dei Romaneschi, il carciofo di Paestum gode di una certa precocità; la carciofaia (che non può essere sfruttata per più di tre anni) viene preparata in estate, la semina avviene tra luglio e settembre e già a febbraio il prodotto è pronto per la raccolta, conservando caratteristiche di edibilità, con un sapore tenero e un gusto delicato.

La ricetta che vi proponiamo oggi tende verso l’inverno ormai alle porte: Carciofi e patate.

Prima di tutto bisogna pulire i carciofi eliminando le foglie più dure, una volta tagliati in quattro parti è necessario metterli in acqua acidulata con limone perchè non anneriscano. Intanto si pelano le patate e si tagliano a tocchetti mentre in una padella faremo riscaldare olio extravergine q.b. con uno spicchio d’aglio, nel quale faremo rosolare prima i carciofi e poi le patate. La cottura va fatta a fuoco moderato e con il coperchio per mezz’ora circa, aggiungendo un pizzico di sale e di pepe ma soprattutto un bicchiere di acqua per consentire la stufatura dolce.

 

PUBBLICITA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

LEGGI ANCHE

Sicurezza dei dispositivi IoT (Internet of things)

Nell'epoca attuale, caratterizzata da un'accelerazione senza precedenti nel campo dell'innovazione tecnologica, il concetto di Internet delle cose (IoT) ha assunto un'importanza cruciale

9Artè e Plastic Free insieme per la Giornata mondiale della Terra

L’arte come mezzo concreto per sensibilizzare: il progetto "Terra è Arte" di 9Artè in collaborazione con il Comune di Gragnano e Plastic Free

Canzoni per anime elette, l’ultima silloge di Mariangela Cutrone

Canzoni per anime elette, l'ultima raccolta di poesie di Mariangela Cutrone, pubblicata da Versi Edizioni, esplora le profondità dell'amore in tutte le sue complesse sfaccettature

Siracusa Calcio, Spinelli: “una gara importante per avere dei parametri in chiave playoff”

Siracusa Calcio, questa mattina la conferenza stampa alla vigilia della gara di campionato contro la Vibonese. Spinelli e Vacca hanno risposto alle domande dei giornalisti prima della rifinitura

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA