Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

AMEDEO CARAMANICA

“I DINAMICI SFIGATI DI BAGNOLI”

“LE INDAGINI DELL’ISPETTORE VARRIALE”

DICIANNOVESIMA PUNTATA

La soluzione del caso di pedofilia
e dello stalking contro la vice ispettrice

Intanto Michele ‘o sgarro e Enzuccio ‘o pierno, chiamati dall’ispettore ad interessarsi del caso di suo cugino prete, avevano subito cominciato le ricerche dei due giovani che avevano accusato il prete.

In un primo momento si erano appostati presso le loro abitazioni, in Via Pisciarelli, poi erano andati a bussare al citofono, ma nessuno aveva risposto, segno che non c’era nessuno in casa.

Allora avevano lasciato le abitazioni e con il motorino si erano portati prima nella piazzetta dell’ippodromo, ma non avevano trovato nessuno, poi avevano percorso la strada delle scuderie, nessuno. Avevano fatto un giro prima per Agnano, poi per il piazzale dello stadio, avevano perlustrato Cavalleggeri, si erano infilati per Via Leonardi Cattolica, erano saliti per la “discesa Coroglio”, avevano ispezionato la zona di Capo Posillipo, erano entrati nel parco, lo avevano fatto in lungo e in largo, niente. Infine erano tornati indietro, avevano fatto prima una capatina negli spazi all’aperto della Città della Scienza e del Circolo dell’Italsider: nessun risultato; infine avevano raggiunto la “piazzola sul mare” di Bagnoli davanti alla chiesa di San Pasquale Baylon, poco distante dallo stesso commissariato, e qui finalmente si erano fermati. Pareva che i due ragazzi si fossero volatilizzati. Allora scesero dal motorino, lo parcheggiarono e a piedi cominciarono a perlustrare la piazzetta. C’erano dei ragazzi che giocavano a pallone, altri che prendevano il sole tra gli scogli, dei vecchietti che giocavano a carte. A un tratto i due poliziotti furono attratti da un gruppetto di ragazzi in fondo alla spiaggia che, seduti a terra, sembravano mezzo intontiti dal fumo che aspiravano avidamente da alcune sigarette, che si scambiavano. Si accesero a loro volta una sigaretta e raggiunsero il gruppo.

<<Buona, eh!>> li provocò Michele ‘o sgarro.

<<Ti manda in Paradiso!>> rispose inebriato uno del gruppo.

<<Ne servirebbe un po’ anche a noi, dove possiamo prendere “il fumo”?>> s’intromise Enzuccio.

<< Se aspettate una mezz’ora, arriva sicuramente la scorta>>, aggiunse subito un altro.

<<La scorta?!>> fece impaurito Michele. <<’E guardie! San Gennaro mio! Enzù, squagliammece!>>

<<’E guardie?! Ma voi da dove venite? Sto parlando della “roba” che portano i pusher.>>

<<Scusateci, abbiamo cominciato da poco, siamo ancora inesperti.>>

<<E andate, andate sulla piazzola … Li riconoscerete senz’altro …>>

I due poliziotti non se lo fecero dire due volte. Avevano quasi la sensazione che qualcosa stesse per succedere.

Dopo circa un quarto d’ora, infatti, arrivarono su di uno scooter due giovincelli, sui tredici- quattordici anni, con jeans, giubbotti all’ultima moda, collane alla hippy al collo, berretto in testa e un borsello ciascuno a tracollo. I due poliziotti guardarono la foto. Erano proprio loro, i due ragazzi accusatori del prete, che erano già stati interrogati in caserma e avevano confermato la loro versione. Avevano avuto, però, dall’ispettore Varriale l’ordine non di prenderli, ma di seguirli e registrare tutto quello che facevano. Come i due arrivarono, scesero dalla moto e avanzarono verso la piazzetta. Subito alcuni giovani, che stavano giocando al pallone, si fecero loro incontro, seguiti poco dopo da alcuni di quelli che erano sulla spiaggia. I due nuovi arrivati si portarono dietro un cespuglio, diedero uno sguardo in giro, e poi cominciarono a “vendere il fumo “, che cavavano dai borselli. I due poliziotti da lontano seguivano tutte le loro mosse. Quando sembrò che non vi fossero più acquirenti, i poliziotti si avvicinarono ai due e chiesero una dose. Pagarono e poi si fermarono a parlare con i due pusher.

<<È da poco che abbiamo cominciato, ma ormai non ne possiamo fare più a meno. Però ci mancano i mezzi. Sapete dirci come possiamo procurarci la roba?>>, si informò Michele ‘o sgarro per provocarli.

I due giovani pusher sorrisero. <<E che ci vuole? Se non avete soldi,” v’e ffacite dà da vostro padre, da vostra madre, si nun v’’e ddanne, arrubbate, rapinate, oppure spacciate comme facimme nuje>>, precisò senza peli sulla lingua Gigino Leonardi.

Allora Enzuccio ‘o pierno volle forzare un po’ la coscienza dei due. <<Cioè, putimme addiventà spacciatori pure nuje e procurarci la roba?>>

<<E certo. Abbasta c’’o boss v’accetta …>> <<’O boss? E chi è?>>

<<Giesù, ma vuje addò campate? Nella zona ‘o boss è uno solo, don Ciccio Cestaro, ‘o malommo.>>

<<Ah, don Ciccio Cestaro ‘o malommo! E vuje sapite ca s’addà fa per farsi accettare dal boss?>>

<< Ve presentate, nc’’o ddicite, lui accerta chi siete, ve fa fà primma qualche serveziello, e po’si superate ‘a prova, v’arruola nella paranza.>>

<< Forte! E, per esempio, ca serviziello in genere fa fà?>>

<<Uhè! Ma ca cazzo vulite ogge vuje duje? Pecché facite tutte sti ddumande? Site sbirre?>>

<<Nuje sbirre?! Ma che jate penzanne?! E ve lassaveme accussì?! Nc’accattaveme ‘a rroba?! >>

<<Comunque – insinuò Enzuccio – si vuje site accussì pauruse, ca manco ‘na dimanda se po’ ffà, allora vuol dire c’’a rrobba ce l’andiamo a procurare altrove …>> E fecero per allontanarsi, ma i due li richiamarono.

<<Aspettate. Ma vuje ‘a rò site?>>

<<Simme ‘e Bagnole, Viale della Liberazione, vicino alla Nato>>

<<Azze, proprio vicino ‘a chiesa ‘e San Giuseppe!>> << Già, a cento metri.>>

<<E nun avite ‘ncuntrate maje ‘o prevete “sammaritano”, comme si chiamme isso?>>

<<’O prevete? Quale prevete? Nuje simme state fino ‘a una settimana fa a Roma, sotto i ponti del Tevere. Ma ‘na chiorme ‘e fetiente ‘e rom nc’hanno cacciato e simme state costrette a ritornare a Bagnoli.>>

<<Ma pecché, ca fa sta specie ‘e prevete, che chiammate “sammaritano”?>>

<<Fa ‘a guerra agli spacciatori.>>

<<E che cazzo! Steveme a Roma e ‘ncuntrajeme ‘e rom che ci ruppero la piazza, mo’ nientemeno venimme ccà e truvamme stu cacchio ‘e prevete ca ci rompe n’ata vota ‘e passe … Ma simme proprio sfurtunate! Cose ‘ e pazze! Ma insomma addò nc’avimma spustà, pe’ nun ncuntrà nu guastafeste?!>>

<<Calmatevi … Potete restare tranquillamente …. Tanto ‘o prevete mo’ ha finito ‘e fa “’o ficcanaso” che s’impiccia dei fatti dei giovani!>>

<<Ha finito? E pecché?>>

<<L’avimme tise ‘na trappola, ca ‘o manne direttamente ‘ngalera.>>

<<Veramente? E c’avite fatte?>>

<<Avimme priparato c’’o telefonino ‘na ripresa ‘e na scena schifosa di pedofilìa, ca lo bollerà per tutta la vita.>>

<< Nientedimeno siete riusciti a incastrarlo di questa maniera?>>

<<È stata la prova che abbiamo dovuto superare per diventare pusher …>>

<<Mamma mia! ‘Na prova accussì difficile e impensabile? Cose del genere ve fafà don Ciccio Cestaro?>>

<<Azze, cose pure cchiù pericolose!>>

<< Pure cchiù pericolose?!>>

<<Ma si ‘e ssuperate senza conseguenze, putite sta certo ca nisciuno ve caccia cchiù d’’a paranza …>>

<<Che dice, Enzù, pruvamme?>>

<<Miché, pruvamme …Tanto peggio ‘e comme stamme, nun putimme finì! …>>

<<Scusate, ma addò ‘o putimme truvà stu capintesta?>>

<<Na mez’ora fa l’avimme lassate davanti all’ippodromo. Ci sono le corse. E quando ci sono le corse ‘o truvate sempe llà … Gioca …>>

<< Gioca pure?!>>

<<Eh, ma chillo gioca sicuro, cavallo vincente …>>

<<E nc’’o facisseve nu piccolo favore? Nc’accompagnate addo isso?>>

<<Accussì, na volta giunto ce lo indicate soltanto … Purtroppo nuje nun ‘o cunuscimme.>>

I due pusher si guardarono tra di loro e per prima Gigino: <<Peppì, che dice? Jamme?>>

<<Gigì, credo c’avimma ì pe forza! Avimma fa pure rifornimento, ‘e scorte so’ finite …>>

<<E andiamo …>>

Poi rivolto ai nuovi arrivati: <<Seguiteci, ve facimme strade …>> e saltarono sul motorino. I due poliziotti si guardarono a loro volta, ammiccando silenziosamente sull’ingenuità dei due ragazzi, presero i loro motorini e li seguirono. Una volta in moto, allertarono subito le forze speciali della caserma di Bagnoli e quelle dello stadio San Paolo, e si diressero verso l’ippodromo. Arrivati nel piazzale dell’ippodromo, i due pusher si fermarono e ai due nuovi intenzionati ad entrare nella paranza indicarono un gruppetto di ragazzi, che vicino all’entrata parlottavano tra loro. <<Chillu alto, c’’o giubbotto niro è don Ciccio Cestaro.>>

<<Ma è giovane!>>

<<Ma pecchè ‘e chisti tiempi vulite truvà a capa d’’a paranza nu mammasantissima d’altri tempi? Nun ‘o ssapite che i vecchi boss stanne tutte ‘ngalera? Mo’ cumannene ‘e giuvene, i cosiddetti “cani sciolti” …>>

<< Tombola! Siete stati bravissimi! Solo che ora queste cose le verrete a dire in caserma al giudice…>>

<<In caserma?! Allora site poliziotti?! Sti dduje piezze ‘e disgraziate, figlje ‘e càntere!>>

Tentarono subito di fuggire, ma, mentre i colleghi in agguato, arrivati con le camionette, prendevano la banda e ponevano fine alla paranza di Agnano e all’opera di don Ciccio Cestaro, i due poliziotti travestiti, vincendo le resistenze dei due ragazzi, li ammanettarono e li portarono in caserma a Piazza Bagnoli.

<<E noi continueremo a negare … Siamo minorenni …>> continuavano a protestare i due ragazzi.

<<In questo caso, questo – disse Michele ‘o sgarro, mostrando un registratore – ha registrato tutto e non potrete più negare.>>

I due ragazzi scoppiarono a piangere, ma i poliziotti li condussero nell’ufficio del vice questore, dove trovarono anche la signora Leonardi e i genitori di Giuseppe Feroni, subito convocati, che costernati rimproverarono i ragazzi e chiesero scusa al povero don Roberto per la “bravata”.

A questo punto l’ispettore capo perse la pazienza. <<Per la bravata?! Ma voi avete capito che i vostri figli hanno commesso vari reati, uno più brutto e terribile dell’altro? Possibile che voi non ne avete saputo mai niente? Ma, per la miseria, questi ragazzi non vivono con voi?>>

<<Ispettò – rispose con un filo di voce la signora Leonardi – mio marito, lo sapete, è in galera, e io l’aggia fa mangià ‘e figlie miei? Esco la mattina e mi ritiro la sera, facenne servizi ‘a ccà e ‘a llà. E ‘e guagliune restano sule … Gigino, me dice ca va a’ scola, e alla parrocchia. Che ne saccio che va facenne n’ata cosa?>>

Anche la mamma e il padre di Peppino Feroni dovettero ammettere che, restato il capofamiglia senza lavoro, pensavano più a procurare loro da mangiare che a pensare alla vita che conducevano i figli.

<<Ma ora che cosa succederà a questi ragazzi? >>, chiese il signor Feroni.

<<Nun ve scurdate ca so ragazzi, sono minorenni>>, ricordò la signora Leonardi.

<<Va bene, sono minorenni! – si affrettò a dire la Dottoressa del p.m. Purtroppo ora siamo tenuti a portarli dentro e a passare il caso al giudice dei minori, penserà lui a giudicarli e ad affidarli a chi di dovere.»

La sostenne il Vice Questore: «Purtroppo è questa la prassi.>> Ma poi rivolto direttamente ai genitori: «Ma pure voi, per la miseria, siete i genitori, cercate di non perderli di vista e, se dovessero essere coinvolti in qualche episodio grave, accertatevi prima della verità e poi accusate.>>

«Già, s’intromise l’ispettore Varriale, non si può crocifiggere così una persona seria, per giunta un prete, basandosi sulle bravate di due incoscienti e per di più sotto le grinfie di un boss.>>

La dottoressa magistrato diede ordine a due poliziotti di portare i ragazzi dal giudice dei minori, e liberò Don Roberto.

Prima che uscissero, i ragazzi incrociarono don Roberto. Ci furono prima attimi di differenti sentimenti inespressi, poi il sacerdote, rivolto ai ragazzi: <<Gigi, Pino, io vi perdono, ma cambiate vita, perché così potreste fare una brutta fine.>> I ragazzi scoppiarono a piangere e il sacerdote non potette fare altro che abbracciarli e stringerli a sé. I genitori dei ragazzi allora si avvicinarono al gruppetto, chiesero scusa al sacerdote e gli baciarono la mano.

Così don Roberto riabilitato, onorato e elogiato da tutti, divenne da quel momento l’apostolo dei ragazzi e dei giovani del quartiere.

L’ispettore superiore ringraziò i due poliziotti di Piazza Plebiscito per la loro celere bravura, e li congedò.

La sera di quello stesso giorno gli altri due poliziotti travestiti, inviati per la ricerca di Giulia Sarno e il suo ragazzo, tornarono senza aver concluso niente. Avevano visionato numerose villette; erano stati al “Mare Blu”: niente di particolare da rilevare. Tutti però speravano che, dopo l’annuncio televisivo di Tony Talpa, l’indomani ci sarebbe stata almeno la liberazione di Pino Schiavo.

Mentre l’ispettore usciva, incrociò Pasquale Scimone, il fissato, che se ne stava in guardiola mogio, mogio.

<<Ch’è, Pasquà, t’è andata a vuoto?>>

<<Manc’’ nu numero è asciuto, ispettò …>>

<<Cu’e prievete nun se pazzeje, caro Pasquale!>> E si allontanò.

 

 

Quella sera, intanto, verso le ore 20:00 anche i due vice ispettori prepararono la trappola per “Lupariello”.

In borghese, raggiunsero con l’auto il piazzale D’Annunzio, di fronte allo stadio, e rimasero in attesa di Sergio Triassi. Dopo cinque-dieci minuti si fermò nello stesso spiazzo una macchina della polizia con un graduato di polizia in divisa e un giovane.

E poco dopo arrivò sul cellulare della giovane donna un messaggio: «Manuela, sono Sergio Triassi e sono nella macchina della polizia … Tu dove sei?»

«Addirittura così scriteriato da venire con una macchina della polizia! Come se la macchina di servizio ridimensionasse quello che ha fatto o mettesse in soggezione la nostra rabbia.>> commentò, stringendo i pugni, il Ruotolo.

«Sempre prevenuto …. Andiamo? …», chiese la Manna.

«Adiamo?! L’offesa sei tu … Quindi è lui che deve venire da noi … Crede di farla franca invitandoci nella macchina della polizia? Io sempre gli spacco la faccia, anche se si nasconde nella divisa della polizia … Che si crede?! …>>

«Madonna, Franco! E ti vuoi calmare? Deve venire lui da noi? E va bene … Fagli segno con i fari che siamo qua, e stai calmo …» Franco eseguì.

Qualche attimo dopo, la portiera della macchina della polizia si aprì e ne scese un uomo in divisa di vice ispettore, che costrinse il giovane in borghese a seguirlo. Si avvicinarono alla macchina dei due viceispettori di Bagnoli e il primo a parlare fu il vice ispettore in divisa: «Manuela Manna?>>

«Sergio Triassi? Sì, sono io, la vice ispettrice Manuela Manna, accomodati in macchina …»

E lui?>>, chiese il Triassi, riferendosi a Franco.

«’E il vice ispettore Franco Ruotolo, mio compagno di squadra.>> Poi riferendosi invece al giovane: «E lui, invece, chi è? Un collega?>>

«No, è ancora troppo giovane. Lui è parte integrante del chiarimento …»

«Della stronzata, vuoi dire?>>, lo assalì Franco Ruotolo.

«Certo della stronzata, della becera cretinata, del reato di stalking, dell’ingiurioso atto di cyber bullismo, ma chiariamo subito, non fatti da me …», disse il poliziotto entrando in auto nei sedili di dietro e facendo segno al giovane di seguirlo.

«Veramente?! – proseguì il Ruotolo. E fatti da chi? Tu sei della polizia e sai come vanno queste cose con l’I.p. Si arriva alla fonte certa da cui partono le ingiurie, le molestie, gli atti lesivi, le azioni di cyber bullismo … E l’Internet Protocol Andress non sbaglia … Chissà quante volte l’hai utilizzato anche tu …»

«Certo l’ho utilizzato anch’io … E l’I.p. non ha sbagliato. Solo che io avevo perduto il cellulare e l’ha trovato e utilizzato questo scriteriato per costruire quelle stupide ingiurie, di cui questi giovani di oggi, sempre più scervellati e rimbecilliti, ormai non possono più fare a meno. Solo dopo una quindicina di giorni, attraverso una “triangolazione”, come sapete pure voi, proprio ieri sono riuscito ad arrivare al mio cellulare nelle mani di questo cretino e così ho potuto constatare quello che aveva fatto. Appena in tempo per ricevere, Manù, l’ultimo tuo messaggio d’invito e sono venuto all’appuntamento a chiarire.

Cose da pazzi! Non solo uno può subire la perdita di un cellulare, ma si può trovare in mezzo ad un guaio, senza sapere né come e né quando!>>

«Va bene, Sergio, hai chiarito, ti crediamo, calmati …» riprese la vice ispettrice.

«Già, è questo disgraziato, stu deficiente, che, da cretino autentico, ha creato il danno maggiore. L’ho rimproverato, ha riconosciuto di aver sbagliato, ho parlato con i genitori, che sono persone perbene, mi ha promesso che ha imparato la lezione e che non lo farà più… Che altro posso fargli?>>

«Sì, vice ispettrì, perdonatemi, – aggiunse quasi piangendo il ragazzo – non sapevo quello che facevo, credevo di fare uno scherzo, una bravata senza conseguenze, come spesso facciamo noi giovani, ma ho imparato la lezione e non lo farò più.>>

«Ma la foto delle due donne, lo assalì Ruotolo, come te la sei procurata? Le battute scriteriate e sessuali puoi averle anche inventate, ma la foto in costume della vice ispettrice com’è capitata nelle tue mani?>>

«Quella foto non l’ho fatto io, era nel cellulare, io l’ho soltanto evidenziata …», chiarì il ragazzo.

«Questo è vero, confermò Triassi. Tu sai, Manù, che un tempo ci siamo frequentati …»

«Certo, ma io, sai bene, che non ti ho mai incoraggiato, anzi ti dissi subito “papele papele” che la cosa non poteva funzionare …»

«Lo so, infatti, io mi ritirai in buon ordine e non ti diedi più fastidio. Ma tu sai che purtroppo “il primo amore non si scorda mai” e un giorno, prima di allontanarmi, a Mondragone, ti rubai una foto in costume sul lettino vicino a tua cugina, che io tenevo in tuo ricordo nel cellulare e che questo disgraziato ha pensato di trasformarlo in lesbismo e di farne un becero soggetto di cyber bullismo.>>

«E a chi lo hai diffuso? Con chi ti sei fatto bello?>>, lo incalzò Ruotolo.

«No, io non l’ho diffuso … La foto mi piaceva guardarla, ammirarla, da solo, perché la signorina, pardon la vice ispettrice, è una bella donna … L’ho fatto vedere solo a qualche amico … L’abbiamo osservata, ammirata, commentata, poi qualcuno mi ha suggerito di inviarla solo alla diretta interessata, per vedere la reazione, tanto era un cellulare trovato per strada, chi poteva pensare che potevate arrivare a noi?>>

«Quindi c’è ancora qualcuno dei tuoi amici che potrebbe averla conservata?>>, chiese la Manna.

«No, ho preteso e ho assistito che loro la cancellassero, perché vi volevo continuare ad ammirare solo io … perciò non l’ho cancellata nel cellulare.»

«Credo che sia la verità, perché non mi sono arrivati messaggi di altre fake news melense, come capita in faccende del genere>>, concluse la Manna.

«Vi chiedo perdono, vice ispettrì, io credevo di fare un innocuo scherzo …», si difese il ragazzo.

«Sempre così dicono: “Ma io scherzavo …!” Scherzavi?!” Ma hai capito, lo assalì ancora una volta il Ruotolo, che lo stalking, il cyber bullismo, sono reati che ti portano nel caso prima ad un “ammonimento del Questore” e poi anche al carcere da cinque mesi a sei anni”? Voi giovani scherzate con il fuoco, dillo ai tuoi amici, ci pensassero bene prima di continua a fare certi scherzi …»

«Scusate, vice ispettore, io non sapevo tutto questo, certe volte lo facciamo per gioco, senza pensarci minimamente.»

«Va bene. Abbiamo chiarito, riprese la vice ispettrice, lo perdono, anche perché nella sua ingenuità non ne ha approfittato. Però, guagliò, non fare mai più scherzi, anzi cazzate del genere … Hai capito?»

«E che so’ scemo, vice ispettrì!»

«Va bene, concluse Ruotolo, ha imparato la lezione, perciò possiamo ritenere chiusa la faccenda. E chiediamo scusa anche al vice ispettore Triassi, perché abbiamo dubitato di lui.>>

«A proposito dove fai servizio?>> chiese la Manna.

«Alla Questura Centrale …E voi?>>

«Al commissariato di Bagnoli …»

«Ah, fate parte dei “dinamici sfigati di Bagnoli”?>>

«Sfigati un corno, Sergio! Là ci facciamo un cuore tanto …» E si lasciarono da buoni amici. Così anche lo stalking di Lupariello trovava la sua conclusione.

Manca solo la soluzione dell’ultimo caso, quello più intrigato, quello che ha dato per tutto il romanzo più grattacapi all’Ispettore Varriale e alla sua squadra. Perciò, amici lettori, prepariamoci ad accogliere l’ultima puntata ….

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi