“Tutta la vita che resta” di Roberta Recchia, recensione

Roberta Recchia debutta con “Tutta la vita che resta”, edito da Rizzoli.

Ambientato a Roma a partire dagli anni ’50, il romanzo segue la crescita della famiglia di Marisa, giovane donna che, rimasta incinta, viene abbandonata dal suo fidanzato. Al fine di proteggere la reputazione di Marisa, i suoi genitori la spingono a sposare Stelvio, giovane rimasto orfano che si guadagna da vivere facendo consegne di pane. Quello di Marisa e Stelvio, seppur combinato, diventa un amore autentico e profondo e dalla loro unione nascono Ettore e Betta. Sarà la sorte subita da quest’ultima a porre una linea di confine nella vita di Marisa e Stelvio, una linea di confine tra la vita di prima e quella “che resta”.

Recensione

La fascetta che avvolge il libro avverte il lettore che si tratta di un libro d’esordio, ma “Tutta la vita che resta” sembra esser stato scritto da un’autrice già affermata. La narrazione è intensa e assolutamente coinvolgente.

Dei tanti personaggi tutti ben caratterizzati, confesso di aver amato maggiormente quelli maschili. Stelvio e Leo sono due uomini follemente innamorati delle loro rispettive donne che sono Marisa e Miriam. Entrambi accettano situazioni al limite, difficili per chiunque da accettare.

Ho amato molto anche Corallina per la sua dolcezza, per la sua grande dignità ed anche per il suo nome (sono nata a Torre del Greco e gli abitanti di questo comune vesuviano sono chiamati anche “corallini” per via della produzione artigianale di corallo e cammei che da sempre è alla base dell’economia del paese).

“Non era lo scherno che feriva Corallina. Non più. E neanche la diffidenza, che a volte era pure comprensibile. Quello a cui Corallina mai e poi mai si sarebbe abituata era il senso di disagio che leggeva negli occhi degli estranei. Perchè somigliava così terribilmente al suo, quando a volte, sovrappensiero, incontrava la sua immagine riflessa in uno specchio, o una vetrina, e trasaliva. Lei quella figura lì non la riconosceva e la inquietava persino. Non aveva niente a che fare con la Corallina che viveva nella sua testa, che lei s’immaginava mentre camminava per la strada con i tacchi alti e la gonna svolazzante.”

“Tutta la vita che resta”  è una storia d’amore, è un romanzo di formazione, è un poliziesco, è una saga familiare; insomma è un libro per tutti.

Forse potevano evitarsi alcune pagine, ma proprio quelle pagine in più probabilmente spingeranno il libro a diventare presto una serie tv e/o un film.

Il richiamo ai Castelli Romani dove sono ambientate alcune vicende hanno contribuito a farmi apprezzare ancora di più il libro.

Tutta la vita che resta

Trovate la mia videorecensione anche su Instagram 

Tutta la vita che resta è disponibile anche su Amazon.

Buona lettura!

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

Giro D’Italia Tadej Pogacar da impazzire

Giro D'Italia vince ancora la maglia rosa sempre più leader della corsa La Maglia Rosa, al quinto centro nella Corsa Rosa, si impone anche a...

Campi Flegrei, il sindaco Manfredi invita alla calma e riapre le scuole

In seguito al lungo sciame sismico avvenuto tra 20 e 21 maggio tra Campi Flegrei e Napoli, il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi ha...

Gaming Laptop 2024: prestazioni estreme

Gaming Laptop 2024: prestazioni estreme e nuove vette di potenza, portabilità e design.

Napoli, scoperto l’autore di un paio di furti al Centro Direzionale

Due guardie giurate in servizio presso il Centro Direzionale hanno accompagnato agli uffici di polizia un uomo che aveva appena rubato il cellulare di...

ULTIME NOTIZIE

Turismo dell’olio in Campania

PUBBLICITA