Il britannico della Mercedes si prende la pole position con un “giro magico”. Secondo Verstappen su Red Bull e terzo Vettel su Ferrari

Embed from Getty Images

Marina Bay, 15 settembre 2018 – Lewis Hamilton mette le mani anche sulla pole position del Gp Singapore 2018, la 79esima in carriera. Il pilota britannico della Mercedes ha girato in 1.36.015. Secondo un ottimo Max Verstappen (+0.319) su Red Bull. Terzo Sebastian Vettel, con la sua Ferrari staccata oltre sei decimi dal leader del mondiale (+0.613).

Bene anche l’altra Mercedes con Valtteri Bottas quarto davanti proprio alla Rossa di Kimi Raikkonen, quinta. Sesta la Red Bull di Daniel Ricciardo.La top ten si completa con Sergio Perez  (Force India) settimo, Romain Grosjean (Haas), ottavo, Esteban Ocon (Force India) nono. Decimo Nico Hulkenberg su Renault.

L’inglese, attardato (era 14esimo) alla fine del Q1, era migliorato nel Q2 col quarto tempo, per poi estrarre dal cilindro in Q3 un giro perfetto, chiuso in 1.36.015. Lo stesso Hamilton si è stupito: “Un giro direi magico, non so da dove sia uscito”. Il britannco commenta così la pole: “Oggi sono riuscito ad azzeccare tutto in un giro solo, non ho neanche parole. Ho il cuore in gola, sono felicissimo. Non credo ci sia stato un momento durante il giro in cui abbiamo avuto il minimo problema. E’ uno dei migliori che possa ricordare, almeno a livello di sensazioni”.

Embed from Getty Images

Più cupo Vettel, costretto a rincorrere: “Sono state delle qualifiche non ideali, volevamo la pole e non ci siamo riusciti”. A Seb la terza posizione non va bene, specialmente a Singapore: “Sono state delle qualifiche un po’ confuse e pasticciate. Non è il risultato che volevamo. In gara la macchina è buona, ma sarà più difficile partire da dietro”.

Sentimenti completamente opposti al tedesco sono quelli Max Verstappen, secondo dopo le qualifiche: “La sensazione di una vittoria“. L’olandese ci crede: “Con i problemi che ho avuto in prova e qualifica il secondo posto è davvero fantastico, non ho mai avuto un giro scorrevole. Abbiamo una macchina incredibile. La gara? Dobbiamo fare una partenza pulita, dopo tutto sarà possibile. Dobbiamo però risolvere il problema del motore, in ogni caso sono contento della macchina”.

Print Friendly, PDF & Email