Registrati

Ti sarà inviata una password per E-mail

Il cereale più presente nella nostra alimentazione è il grano. Questo cereale lo ritroviamo nella maggioranza dei prodotti da forno presente nella nostra dieta come d’esempio pane, pasta, pizza, focacce e biscotti.

Sempre più presenti nella nostra alimentazione di tutti i giorni sono cereali diversi dal grano, con una preferenza per i cereali bio e integrali.

Le eccezioni della quinoa, del grano saraceno e dell’amaranto

Non appartengono alla famiglia di cereali la quinoa, il grano saraceno e l’amaranto, ma vengono comunque annoverati tra questi perché il loro utilizzo in cucina è analogo a quello dei cereali stessi.

Ecco i cereali che possiamo inserire nella nostra dieta per renderla più varia e salutare.

Elenco e caratteristiche di tipi di cereali

1) Farro

Tra i cereali alternativi quello sicuramente più comune è il farro. È molto semplice da preparare in quanto può essere lessato semplicemente come la pasta. Rappresenta un’ottima fonte di vitamine, magnesio e potassio. Per fare  di esso un piatto completo dal punto di vista nutrizionale possiamo abbinarlo a dei legumi.

2) Orzo

Non tutti sanno che il primo cereale ad essere utilizzato l’uomo è stato l’orzo. Esistono differenti tipologie: l’orzo perlato, che purtroppo essendo un prodotto raffinato perde gran parte delle proprietà nutrizionali del cereale madre, poi c’è l’orzo decorticato che ha subito un parziale processo di raffinazione ed esiste, infine, una terza varietà, l’orzo mondo, ricco in fibre.

3) Riso integrale

Il riso integrale viene privato soltanto della parte più esterna e non commestibile del chicco, chiamata lolla, e rispetto al riso bianco apporta sostanze nutritive di maggiore qualità. Chi ha però problemi con il consumo di alimenti ricchi di fibre dovrebbe moderarne il consumo sotto consiglio del nutrizionista.

4) Grano saraceno

Il grano saraceno (Fagopyrum esculentum) è una pianta erbacea della famiglia delle Poligonacee. Alimento ideale per l’alimentazione dei celiaci, il grano saraceno ha come principale caratteristica la totale assenza di glutine. Ottima fonte di aminoacidi essenziali, zinco, ferro, selenio e sali minerali.

5) Teff

Il teff è un cereale che appartiene alla famiglia delle graminacee, davvero poco conosciuto nell’alimentazione mediterranea, ricco in vitamine e sali minerali, una fonte di calcio, ferro e magnesio, oltre che di fibre. Apporta una discreta quantità di proteine.

6) Miglio

Il miglio, oltre ad avere un gradevolissimo sapore, non tutti sanno che è un generale super energetico antistress. Apporta aminoacidi facilmente assimilabili per la produzione delle proteine. È benefico per la salute dei capelli, della pelle e delle unghie.

7) Avena

L’avena è un cereale che ha la capacità di fornire all’organismo energia a lungo termine grazie al suo contenuto di carboidrati a lenta rilascio. Apporta un ottimo quantitativo di fibre utili a garantire una buona funzionalità intestinale e favorire la riduzione del colesterolo.

8) Segale

E’ un cereale che viene maggiormente utilizzato per la produzione di farine. Tali farine sono maggiormente utilizzate per la produzione di pane e prodotti da forno, Che favoriscono il senso di sazietà.

9) Quinoa

Da poco presente nell’alimentazione mediterranea, la quinoa è tipica delle popolazioni andine, e si comporta e s utilizza come se fosse un vero e proprio cereale, anche non essendo tale. Ha un profilo aminoacidico completo e quindi è un degno sostituto delle proteine animali.

10) Amaranto

L’amaranto si comporta come un cereale ad alta digeribilità ed è ricco in sali minerali, calcio, magnesio, ferro e fosforo. Anche esso è antichissimo, addirittura considerato l’oro degli Inca, in quanto capace di crescere senza bisogno di erbicidi e pesticidi.

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi