Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
0 0 Voto
Vota Articolo

Essere donna è naturale, ma sicuramente complicato e difficile. Non lo dico solo perchè sono una donna, ma perchè la complessità del corpo (e della mente oserei dire) femminile è un dato certo. Questo è dovuto alla varietà e variabilità del sistema ormonale che detta legge sulle varie fasi della vita di una donna.

Essere donna: Varietà e variabilità del sistema ormonale

Le variazioni ormonali possono avere moltissime cause, ma gli effetti li possiamo riassumere come segue:

– Insonnia

– Affaticamento

– Stanchezza

– Scarsa concentrazione

– Cambiamenti nell’appetito

– Sbalzi di umore

– Aumento peluria

– Gonfiore addominale

– Ritenzione idrica

– Infertilità

– Ipertensione

– Irregolarità mestruale

aumento del peso

Sono sicura che ogni donna che sta leggendo si rispecchia almeno in 3 o 4 di queste situazioni, indipendentemente dall’età e dalla fisicità.

Non voglio entrare nel merito dei cambiamenti fisiologici, non credo sia questa la sede, ma di certo voglio dare qualche suggerimento che spero possa essere utile.

Sicuramente le over  45 – 50, donne che si avviano ad una nuova fase della vita ovvero la menopausa,  presentano molti dei sintomi che ho elencato prima.

In Italia si stima che la donna vada in menopausa intorno ai 51 anni, ma anche dai 45 in poi è considerata fisiologica, pertanto, mi preme sottolineare che non si deve arrivare all’evento menopausa per fare qualcosa, ma occorre iniziare a preparare il nostro corpo molto tempo prima, soprattutto per non cadere nella trappola della bilancia che inesorabilmente SALE!

Ci sono alimenti che possono aiutare?

Certo, ma più che uno specifico alimento mi soffermerei sulla qualità degli alimenti e sui loro nutrienti. La dieta Mediterranea offre una vasta gamma di prodotti e combinazioni che aiutano tutte le fasi della nostra vita di donna, dall’adolescenza alla menopausa.

Il mio primo consiglio è mantenere sempre le giuste proporzioni di frutta e verdura, facendo particolare attenzione alle fibre, alle vitamine, ai sali minerali.

La dieta bilanciata prevede equilibrio anche per quello che riguarda zuccheri, grassi e proteine.

E’ doveroso preservare il nostro intestino che gioca un ruolo di fondamentale importanza sempre, ma in particolare nelle fasi critiche (menarca, gravidanza, menopausa), per cui è necessario avere il giusto apporto di fibra, il giusto contenuto di prebiotici (ovvero il cibo del nostro microbioma intestinale), il corretto l’equilibrio degli ospiti presenti nel nostro tratto gastro-intestinale e anche uro-genitale (batteri e non solo).

Tenere sotto controllo la vit D attraverso il dosaggio è un altro fattore secondo me molto importante per evitare carenze: se ne parla continuamente e la vit D pare essere al centro di ogni patologia e quasi la panacea di ogni male. Non è sicuramente il prodotto magico cura tutto e salva tutti, ma è molto importante evitare deficit, sempre, ma soprattutto nell’età adulta.

Non sottovalutare neanche la quota di calcio da dover assumere, soprattutto nella crescita e nell’età  diciamo così della maturità, in virtù del rischio osteoporosi.

I formaggi vanno assunti, anche se in dosi controllate e sono buoni apportatori di calcio, ma questo è presente anche in acque minerali (non oliogominerali) e in molte verdure in particolare: cavolfiore, verza, broccoli, puntarelle, biete, rucola, cicoria ne che ne sono molto ricche.

Alla lista si accompagnano frutta secca a guscio come mandorle e nocciole, i legumi (anche la soia che crea ancora scompigli ma ben utilizzata può essere un buon supporto), i cosiddetti “odori” ovvero basilico, prezzemolo e salvia.

Una ricetta completa, gustosa e funzionale

A conclusione di questo breve viaggio nel mondo donna voglio lasciare una ricettina completa, gustosa e funzionale a quanto detto fino ad ora.

Si tratta di un’insalata fatta con: rucola, funghi crudi (champignon che hanno un sapore meno forte), una manciata di mandorle, germogli di soia, olio EVO (possibilmente con premitura a freddo) e un pizzico di sale.

Per renderla poi un piatto unico possiamo aggiungere del parmigiano almeno con 36 mesi di stagionatura.

Partire in anticipo ci garantisce una migliore gestione delle problematiche legate al mondo donna.

Essere donna: Sovrappeso e obesità

Certo il discorso diventa ancora più importante e “urgente” quando oltre ad essere in una particolare età, si è anche in sovrappeso o obese.

La circonferenza addome,  a differenza della bilancia, non mente: ogni donna nota subito l’aumento del girovita. In questi casi generalizzare e dare consigli è riduttivo, perchè ogni corpo ha la sua storia, per questo raccomando di rivolgersi ad un professionista, a qualcuno insomma che sappia di cosa stiamo parlando.

Per quel che mi riguarda prima di effettuare una visita allo studio faccio compilare alle “mie” signore (e non solo) un questionario conoscitivo, anche per dare a loro la percezione di sé, del loro stato di salute fisico e mentale.

Il questionario è visibile qui https://bit.ly/2PmZTlA ed è a mio avviso un valido aiuto per comprendere quanto poco una mamma e moglie si ricordi e sia consapevole di essere prima di tutto una donna.

 

(articolo a cura della Dr.ssa Claudia Cinquegrana, biologa nutrizionista dello Studio Albes)

 

Print Friendly, PDF & Email
0 0 Voto
Vota Articolo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Clicca qui e lasciaci un commento! Grazie.x
()
x