Chris Froome fa la tripletta e dopo Vuelta e Tour nel 2017 conquista anche il Giro d’Italia 2018 portando a termine una rimonta incredibile. La 20° Tappa la vince Nieve (Mitchelton-Scott), davanti a Gesink (LottoNL-Jumbo) e Grosschartner (Bora-Hansgrohe).

Embed from Getty Images

DUMOULIN CI PROVA, MA FROOME E’ SUPER

Dopo aver a lungo aiutato la squadra a conservare la maglia rosa di Yates, Mikel Nieve centra la fuga di giornata e conquista la durissima tappa con l’arrivo a Cervinia. Lo spagnolo si dimostra il più in forma della giornata e sulla salita finale (4000 metri di dislivello in questa giornata) stacca tutti i suoi compagni di fuga e va a vincere sul traguardo in quota, staccando i suoi più diretti inseguitori GesinkGrosschartner rispettivamente di 2’17” e 2’42”.
4° posto per l’ottimo Giulio Ciccone (Bardiani CSF), con un ritardo di 3’45”: partito con il sogno maglia azzurra, l’abruzzese con la sua grinta ci è andato veramente vicino, perdendola solamente per questione di pochi punti (17) nei confronti di Chris Froome. 5° invece Brambilla (Bora-Hansgrohe), anche lui in fuga.

Intanto nel gruppo dei migliori, perde subito contatto Pinot (FDJ), che dopo l’ottimo risultato di ieri arriva al traguardo con addirittura oltre 50′.
Dumoulin (Sunweb) prova più volte a lasciarsi indietro Froome per tentare di conquistare la maglia rosa, ma il capitano della Sky si dimostra in forma super e riesce a tenere, ed addirittura a staccarlo negli ultimissimi chilometri. I due migliori italiani di questo Giro, Formolo (Bora-Hansgrohe) e Pozzovivo (Barhain Merida) riescono a tenere il ritmo di Froome che nonostante la sua pedalata brutta a vedersi riesce sempre ad essere vincente, arrivando al traguardo con 6’03” di ritardo insieme al compagno Poels, Carapaz (Movistar), Lopez (Astana) ed Oomen (Sunweb). L’olandese campione in carica (almeno fino a domani pomeriggio) arriva 6” più tardi, recuperando metri negli istanti finali.

Come già detto, Froome conquista oltre alla maglia rosa anche quella azzurra di miglior scalatore; quella della classifica giovani va sulle spalle di Lopez, mentre quella a punti, che rimarrà in ballo fino a domani, è al momento sulle spalle di Elia Viviani (Quick Step-Floors), che oggi per raccogliere punti è andato anche in fuga.

A domani per lo spettacolo finale nella città eterna, Roma.

Questa la classifica finale del Giro d’Italia 2018:

1 GBR FROOME Chris TEAM SKY 86h 11’ 50” 0’ 00”
2 NED DUMOULIN Tom TEAM SUNWEB 86h 12’ 36” 0’ 46”
3 COL LOPEZ MORENO Miguel Angel ASTANA PRO TEAM 86h 16’ 47” 04’ 57”
4 ECU CARAPAZ Richard MOVISTAR TEAM 86h 17’ 34” 05’ 44”
5 ITA POZZOVIVO Domenico BAHRAIN – MERIDA 86h 19’ 53” 08’ 03”
6 ESP BILBAO LOPEZ DE ARMENTIA P. ASTANA PRO TEAM 86h 23’ 40” 11’ 50”
7 AUT KONRAD Patrick BORA – HANSGROHE 86h 24’ 51” 13’ 01”
8 NZL BENNETT George TEAM LOTTO NL – JUMBO 86h 25’ 07” 13’ 17”
9 NED OOMEN Sam TEAM SUNWEB 86h 26’ 08” 14’ 18”
10 ITA FORMOLO Davide BORA – HANSGROHE 86h 27’ 06” 15’ 16”

Classifica concessa da: giroditalia.it

CreditFoto: Facebook

Print Friendly, PDF & Email