Fedele e Gabriel Silva sono stati accolti come in una famiglia

PUBBLICITA

Già da qualche tempo sono a disposizione di mister Castori. Ieri, a margine dell’allenamento del mattino, Matteo Fedele e Gabriel Silva sono stati presentati ufficialmente ai media

Tanta è la voglia di mettersi in luce per il centrocampista svizzero di origini italiane, al punto da non risparmiarsi alcuni supplementi di allenamento: “Sono felice di questa opportunità – ha esordito Fedele -, arrivo in un campionato, la Serie A, sicuramente diverso da quello svizzero nel quale ho giocato con le maglie di Sion e Grasshopper”.
Si descrive come un centrocampista di quantità: “Sono un centrocampista centrale, ma posso giocare anche da mezz’ala. Mi piace aggredire l’avversario, recuperare palla ma anche propormi in attacco. Non disdegno andare al tiro o arrivare all’ultimo passaggio, anche se queste non sono certamente la mia prerogativa”.

Il primo contatto con lo spogliatoio è stato positivo: “Sono arrivato qui ed i ragazzi mi hanno accolto come in una famiglia. Inoltre ho visto la città e mi sembra piccola ed accogliente”.

Voglia di riscatto, invece, come obiettivo principale per Gabriel Silva: “Vengo da un infortunio che mi ha tenuto fuori a lungo, facendomi perdere gran parte della passata stagione. Al ritorno in campo non mi sentivo più lo stesso, ma adesso è acqua passata. Mi sento bene e voglio tornare il Gabriel Silva dei primi tempi”. “Il ruolo? – ha poi aggiunto – mi piace giocare da terzino in una linea a quattro, ma non ho preferenze specifiche, lascio scegliere al mister dove impiegarmi”.

L’esordio in Serie A è alle porte: “A Marassi ci aspetta una partita complicata, in un ambiente difficile. Credo, però, che tutto il gruppo è concentrato: vogliamo andare a Genova per fare una buona gara. Ci stiamo preparando bene, sapendo che affronteremo un attacco importante, con gente come Cassano, Eder e Muriel”.
Le condizioni per adattarsi alla nuova realtà ci sono tutte: “Si è creata una piccola colonia brasiliana qui, sono convinto che lavoreremo duro per raggiungere i quaranta punti il più presto possibile”.
Tutto ripartendo dal solito 34 sulla maglietta: “È il numero che avevo al Palmeiras, lo indosso dal mio esordio in prima squadra”.

Fonte Stampa: Carpi (pagina ufficiale Facebook)
PUBBLICITA
PUBBLICITA

Leggi anche

Napoli, algerino con mandato d’arresto internazionale trovato in un albergo del centro storico

L'arresto a Napoli Ieri, durante il pattugliamento del territorio, gli agenti dell'Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico sono intervenuti in un albergo del centro storico...

Trapani, Torrisi: “Domani un altro passo per il traguardo”.

L'allenatore del Trapani Alfio Torrisi ha parlato in conferenza stampa della sfida di domani contro la Sancataldese.

Vico Fissale di Camilla Scala, un tuffo in un nostalgico amatissimo microcosmo

É stato presentato ieri presso la libreria Mondadori di Castellammare di Stabia "Vico Fissale", primo romanzo dell'attrice e regista stabiese Camilla Scala 

Orrore a Roma, cadavere in fiamme in strada

Davanti al policlinico Campus Biomedico di Roma il corpo di un uomo in fiamme

Ultime Notizie

PUBBLICITA