Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Pro Recco per il 33esimo scudetto, 14esimo consecutivo, è la seconda finalista

Pro Recco-Sport Management 11-3 (40, 3-1, 2-2, 2-0)

ProRecco: Tempesti, Di Fulvio 1, Bodegas, Bukic 1, Molina Rios 1, Velotto 1, Aicardi 1, Echenique 3, Figari 1, Filipovic 1, Ivovic, Renzuto Iodice 1, Bijac. All. Rudic

Sport Management: Lazovic, Dolce, Marchetti, Alesiani, Fondelli 1, Di Somma, Drasovic 1, Bruni, Mirarchi, Luongo 1, Casasola, Valentino, Nicosia. All. Baldineti

Arbitri: PETRONILLI, LO DICO

Note: Uscito per limite di falli Renzuto Iodice (R) a 6’01 del quarto tempo. Superiorità numeriche: Pro Recco 4/8, Sport Management 1/11. Ammonito per proteste il tecnico Rudic (R) a 2’51 del quarto tempo. Bijac (R) in porta dall’inizio, sostituito da Tempesti a 5’18 del quarto tempo. Spettatori 500 circa.

Cronaca

Pro Recco perfetta. Segna un gol a minuto con Aicardi in superiorità numerica, Velotto in controfuga, il mancino Echenique e Molina in entrata.

Salva due inferiorità numeriche e chiude il primo tempo sul 4-0 e 1/2 con l’uomo in più.

Nel secondo tempo Renzuto Iodice allunga sul 5-0 prima che, dopo 10’33 effettivi, la Sport Management segni con Fondelli servito in verticale da Drasovic (5-1).

La valanga biancoceleste è però incontenibile: passa ancora con Echenique e Filipovic (3/5) per il 7-1 di metà partita e difende altre quattro inferiorità numeriche.

Dopo 53 secondi della ripresa, il mancino italo-argentino firma l’8-1 e la tripletta.

Figari risponde al capocannoniere del campionato Luongo, che tornava in acqua dopo la giornata di squalifica, e Drasovic sblocca la Sport Managment in superiorità numerica  per il 9-3 che conduce all’ultimo tempo.

Finisce 11-3 con Di Fulvio e Bukic che entrano nel tabellino dei marcatori.

Fonte: federazione italiana nuoto
Print Friendly, PDF & Email

Scrivi