Giro D’Italia la tappa numero undici

Giro D’Italia oggi 15 maggio 2024 la tappa numero undici della corsa rosa

Tutti fermi, parte il Giro. La cittadina sannita sede della partenza dell’undicesima tappa del Giro sarà completamente pedonalizzata fino al momento dello start. Ottimo presupposto per poter passeggiare nel centro storico del paese e coglierne le atmosfere normanne e medievali che ancora lo caratterizzano, ammirare i particolari portali in pietra, la settecentesca Torre campanaria e la ancora più antica Chiesa Madonna della Libera, costruita a metà del XV secolo di sopravvissuti a una catastrofico terremoto. Tappa d’obbligo, infine alla Mostra del ciclismo dal 1800 a oggi organizzata proprio per celebrare la corsa rosa.

Entrati in Molise, merita una sosta Larino dove si ammirano i resti dell’Anfiteatro romano che al tempo della sua costruzione (80 d.C.) poteva accogliere ben 10.000 spettatori. Poco più avanti, ormai sulle rive del Mar Adriatico, ecco Termoli con la possente cinta muraria che protegge il nucleo originario della città, il Borgo antico costruito nel V secolo su un promontorio che scende a strapiombo sul mare. La passeggiata tra questi vicoli è emozionante, così come la visita del Castello Svevo o della Cattedrale di Santa Maria della Purificazione. Da qui in avanti si segue sempre la strada che costeggia il mare, ma anche resistendo alla tentazione di un tuffo le occasioni di sosta sono numerose.

A Vasto è il rinascimentale Palazzo d’Avalos a catturare l’attenzione. Circondato da un grande giardino napoletano è posto in posizione panoramica sulla costa sottostante e ospita ben quattro musei: il Museo Archeologico, la Pinacoteca, la galleria di Arte contemporanea “Mediterranea” e il Museo del Costume Antico. Prima di lasciare la città si visitano anche le Terme Romane, con splendidi mosaici del II secolo d.C, e il Castello Caldoresco, una fortezza del 1427 con torri, bastioni e fossato.

Francavilla al Mare dall’alto

Ortona, sede dell’arrivo della prima tappa del Giro 2023, chiede un’ulteriore fermata per ammirare almeno l’imponente Castello Aragonese ( XV secolo) la cattedrale di San Tommaso apostolo al cui interno sono custoditi i resti dell’apostolo Tommaso e Palazzo Corvo (XVI-XVII sec.), sede dell’Enoteca Regionale d’Abruzzo.

La lunghissima spiaggia di Francavilla al Mare (bandiera blu nel 2023) sembra fatta apposta per il relax di corridori e pubblico dopo l’arrivo della tappa odierna. E sarebbe un peccato non approfittarne. Non prime, però, di essere andati alla scoperta di una località che non è soltanto una meta balneare, come testimoniano diversi edifici di particolare pregio. Tra i tanti spiccano la chiesa di Santa Maria Maggiore, fondata nel XV secolo e ricostruita dopo la sua distruzione avvenuta durante la Seconda guerra mondiale, e il quattrocentesco Convento Michetti dedicato a Sant’Antonio di Padova e chiamato anche “Cenacolo michettiano” o “Cenacolo dannunziano” (tra queste mura D’Annunzio scrisse “Il Piacere”), uno dei simboli della città.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

Napoli, De Laurentiis valuta 4 allenatori, due sembrano in vantaggio sugli altri

Con l'addio di Calzona a fine campionato, il Napoli è alla ricerca di un nuovo allenatore per la prossima stagione. Secondo Sky Sport in...

Addio a Franco Di Mare

È morto il giornalista Franco Di Mare. Ad annunciarlo la famiglia con una nota

Pallacanestro Antoniana ancora una vittoria importante

Pallacanestro Antoniana arriva un sorriso giallorosso, il focus ufficiale della società: L’Antoniana non muore mai: Gara 1 si tinge di giallorosso alla Struttura Geodetica di...

Tendenze future nei dispositivi indossabili

Tendenze future nei dispositivi indossabili: una panoramica sui giganti della tecnologia

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA