Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Dopo 60 anni tornano in Italia le Universiadi, i giochi Olimpici dedicati agli universitari di tutto il mondo e la sede scelta dagli organi federali della FISU è stata Napoli.

Con orgoglio dico che la mia città ha meritato questo grandissimo riconoscimento e l’opportunità di far conoscere ai circa 8000 giovani atleti una città che forse non avrebbero mai visitato e soprattutto potranno portare nel loro paese e dire ai propri concittadini, amici e parenti, raccontare le bellezze di questa grande metropoli, le tradizioni, la storicità, il cibo soprattutto avranno modo di assaggiare la “ vera pizza “ come ha sottolineato  anche Oleg Matytsin il presidente della FISU in qualche occasione.

Napoli è stata pronta ad accogliere questa sfida e regala a tutti noi un patrimonio da mantenere con la giusta attenzione, gli impianti rimodernati, ripristinati, messi a norma, le vie della città ripristinate , la collaborazione di tantissimi giovani volontari, insieme, tutti insieme stanno dando una forza incredibile a tutta l’organizzazione, e la maggior parte di loro sono napoletani, ragazzi educati, parlano almeno due lingue, insomma i giovani di oggi e di domani.

Un domani che ci aspetta vicinissimo, che sarà il banco di prova per  noi napoletani, e campani in generale, sapremmo mantenerci con la dovuta attenzione tutte queste meravigliose strutture nel modo giusto, senza vandalismi, senza deturpazioni? Gia da qualche anno Napoli  non è più la città di cui si parlava per “ l’immondizia nelle strade” , non più, ora appartiene a qualche altra “ italiana”, abbiamo saputo adeguarci come è nella nostra indole e rispettare le nuove regole, ci siamo riusciti, riusciremo anche questa volta a dimostrare il nostro valore di cittadini, ne sono sicuro.

Il nuovo look dello Stadio San Paolo è eccezionale, così come il Palabarbuto rimesso a nuovo, altri impianti rimodernati come la Piscina Scandone, il Palavesuvio, il Palacasoria e tante altre strutture negli altri capoluoghi di provincia della Campania, danno lustro a questa manifestazione e gli atleti sono assistiti da una ottima organizzazione, complimenti.

118  paesi da tutto il mondo hanno aderito ed inviato delegazioni alle Universiadi, tutte hanno sfilato percorrendo la grande “ U “ disegnata sul parterre dello Stadio  in rigido ordine alfabetico, con l’esclusione dell’Italia che come paese ospitante ha sfilato per ultima, con grande attesa del pubblico e grandissima ovazione. In quasi 30.000 hanno assistito a questa Cerimonia, tra le autorità presenti, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella , il Presidente della Camera Roberto Fico , il ministro per gli Affari esteri Enzo Moavero Milanesi, il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti, e i sottosegretari alla Presidenza del Consiglio Giancarlo GiorgettiSimone ValenteGiuseppina Castiello e Carlo Sibilia.

Accanto al Presidente Mattarella, il Cardinale Crescenzio Sepe e del Procuratore Nazionale Antimafia Federico Cafiero de Raho

A rappresentare la Regione Campania, il presidente Vincenzo De Luca e Luigi De Magistris Sindaco di Napoli

Tocca proprio a lui i primi saluti, salutato inizialmente da un po di fischi, ma poi applaudito dalla grande maggioranza del pubblico presente, cosi inizia la grande sfilata di tutte le delegazioni partecipanti, colori ed entusiasmo a 1000  per tutti gli atleti.

Dopo la sfilata dell’Italia , una serie di grandi artisti ed interpreti nazionali quali Malika Ayane che ha cantato “L’italiano” , la vincitrice di the Voice 2019 Carmen Pierri ed  Anastasio, che ha cantato “Another brick in the wall” dei Pink Floyd. Iaia Forte , attrice ha invece un reso omaggio agli intramontabili Totò  ed Eduardo De Filippo.

Beatrice Vio,  la medagliata schermitrice paraolimpica, in uno splendido abito lungo rosso ha consegnato la Bandiera Italiana nelle mani del Corpo dei Corazzieri del Quirinale che hanno fatto l’alzabandiera con la banda dei Carabinieri che ha intonato l’inno nazionale, cantato da tutto lo stadio, con grandissima emozione.

È stata poi la volta del Governatore Vincenzo De Luca a salutare il pubblico e non sono mancate anche per lui piccole contestazioni ma anche grandissimi applausi, di seguito i saluti istituzionali del presidente della FISU( Federazione Italiana Sport Universitari )  Oleg Matytsin e in collegamento video  Thomas Bach Presidente della IOC ( International Olimpic Comitee ).

Il nostro Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha poi dato l’ufficiale annuncio di Inizio dei Giochi della 30th Summar Universiade.

Entra così la Bandiera della FISU sorretta da grandi atleti e eccellenze napoletane del passato, tra cui  Paolo Trapanese, ex pallanuotista e presidente della Federnuoto campana, Antonietta di Martino, campionessa di atletica, Giuseppe Abbagnale, campione di canottaggio, Mariafelicia De Laurentiis  e Klaus Dibiasi, storico campione di tuffi.

Poi il tanto atteso momento dell’ingresso della torcia olimpica delle Universiadi portata da Pino MaddaloniDiego Occhiuzzi e Carlotta Ferlito. ovviamente il nostro Stadio San Paolo rifatto dai sediolini nuovi, dai 2 maxi schermi led, la nuova pista di atletica, i bagni rifatti, ha saputo dare il giusto colpo d’occhio che ci si aspettava ma Marco Balich, il direttore artistico al quale è stata affidata la regia di tutta la cerimonia, ha saputo dare quel tocco di napoletanità nelle scenografie che pochi avrebbero saputo fare e così un GRANDE VESUVIO, stilizzato campeggia sotto la curva B, luci eccezionali e fuochi d’artificio lo hanno fatto  esplodere quando il nostro capitano del Napoli Lorenzo Insigne calcia un pallone infuocato, acceso dalla torcia sorretta da Carlotta Ferlito e  che vola fino alla sua estremità accendendolo e  dando inizio ai Giochi.

La chiusura della Cerimonio tocca ad uno dei nostri più grandi artisti , Andrea Bocelli che canta tre brani, Funiculì Funicolà poi un brano con il figlio Matteo ed in chiusura Nessun Dorma, infiammando tutto lo stadio.

Foto cerimonia di inaugurazione Universiadi Napoli 2019

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi