Dicembre 1754, a Nola viene intonata per la prima volta “Tu scendi dalle stelle”

Nel giorno dell’Immacolata Enzo Longobardi, facendo sosta al Museo Alfonsoniano di Pagani, ci mostra il clavicembalo che Sant’Alfonso de’ Liguori utilizzò nel 1754 per comporre quella che da alcuni è ritenuta” la più bella pastorale degli ultimi due secoli della letteratura italiana”.
.
Dicembre 1754, nasce “Tu scendi dalle stelle”
.
“Immacolata, tempo del Natale, si canta ‘Tu scendi dalle stelle’ 
Dicembre 1754, è l’alba, fa freddo; Sant’Alfonso de’ Liguori, pregando, ha un’ispirazione; di getto, su un foglietto scrive 42 versi assieme alle note musicali. Quella sera, a messa, nella Cattedrale di Nola, il futuro santo, stravolgendo la liturgia natalizia, apre quel foglietto ed intona per la prima volta:
.
“Tu scendi dalle stelle, o Re del Cielo
E vieni in una grotta al freddo, al gelo,
O Bambino mio divino…”
.
I fedeli, prima sorpresi, poi emozionati, apprezzarono quel nuovo canto che da allora risuonerà in tutto il mondo. Era nata, per alcuni, la “più bella pastorale degli ultimi due secoli della letteratura Italiana”, desiderio dell’uomo di intravvedere una luce, un cammino sicuro, una strada da affrontare. In foto il clavicembalo al Museo Alfonsoniano di Pagani dove Sant’Alfonso musicò Tu scendi dalle stelle, e la targa posta in un palazzo di corso Vitale a Nola, dove la canzone fu scritta.
.
Sereno giorno dell’Immacolata a tutti
P.S: questa è la versione di Andrea Bocelli, che amo molto https://youtu.be/68mCd

Con queste parole Enzo Longobardi racconta una dolcissima storia che forse non tutti conoscono.

Da Quanno nascette ninno a Tu scendi dalle stelle

“Tu scendi dalla stelle” sarebbe – secondo quanto riporta Wikipedia – la versione in italiano di “Quanno nascette Ninno” scritta anch’essa da Sant’Alfonso Maria de’ Liguori.

Il testo:

Quanno nascette Ninno a Bettlemme
Era nott’e pareva miezo juorno.
Maje le Stelle – lustre e belle Se vedetteno accossí:
E a cchiù lucente
Jett’a chiammà li Magge all’Uriente.

De pressa se scetajeno l’aucielle
Cantanno de na forma tutta nova:
Pe ‘nsí agrille – co li strille,
E zombanno a ccà e a llà;
È nato, è nato,
Decevano, lo Dio, che nc’à criato.

Co tutto ch’era vierno, Ninno bello,
Nascetteno a migliara rose e sciure.
Pe ‘nsí o ffieno sicco e tuosto
Che fuje puosto – sott’a Te,
Se ‘nfigliulette,
E de frunnelle e sciure se vestette.

A no paese che se chiamma Ngadde,
Sciurettero le bigne e ascette l’uva.
Ninno mio sapuritiello,
Rappusciello – d’uva -sì Tu;
Ca tutt’amore
Faje doce a vocca, e po ‘mbriache o core.

No ‘nc’erano nnemmice pe la terra,
La pecora pasceva co lione;
Co’ o caprette – se vedette
O liupardo pazzeà;
L’urzo e o vitiello
E co’ lo lupo ‘npace o pecoriello.

Se rrevotaje nsomma tutt’o Munno,
Lu cielo, a terra, o mare, e tutt’i gente.
Chi dormeva – se senteva
‘Npiett’o core pazzeà
Pe la priezza;
E se sonnava pace e contentezza.

Guardavano le ppecore i Pasturi,
E n’Angelo sbrannente cchiù d’o sole
Comparette – e le dicette:
No ve spaventate no;
Contento e riso
La terra è arreventata Paraviso.

A buie è nato ogge a Bettalemme
Du Munno l’aspettato Sarvatore.
Dint’i panni o trovarrite,
Nu potite – maje sgarrà,
Arravugliato,
E dinto a lo Presebbio curcato.

A meliune l’Angiule calate
Co chiste se mettetten’a cantare:
Gloria a Dio, pace’n terra,
Nu cchiù guerra – è nato già
Lo Rre d’amore,
Che dà priezza e pace a ogni core.

Sbatteva o core mpietto a ssi Pasture;
E l’uno ‘nfaccia all’auto diceva:
Che tardammo? – Priesto, jammo,
Ca mme sento scevolí
Pe lo golìo
Che tengo de vedé sso Ninno Dio.

Zombanno, comm’a ciereve ferute,
Correttero i Pasture a la Capanna;
Là trovajeno Maria
Co Giuseppe e a Gioja mia;
E ‘n chillo Viso
Provajeno no muorzo e Paraviso.

Restajeno ‘ncantate e boccapierte
Pe tanto tiempo senza dì parola;
Po jettanno – lacremanno
Nu suspiro pe sfocà,
Da dint’o core
Cacciajeno a migliara atte d’amore.

Co a scusa de donare li presiente
Se jetteno azzeccanno chiano chiano.
Ninno no li refiutaje,
L’azzettaje – comm’a ddí,
Ca lle mettette
Le Mmane ‘n capo e li benedicette.

 

“Quanno nascette ninno” – Video (canta Peppe Barra e Francesca Marini)

http://https://youtu.be/lUZpWG5GoJA

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

Juve Stabia Pagliuca : ” Io e la mia famiglia accolti bene a Castellammare”

  Juve Stabia Guido Pagliuca al Comune della sua Cecina dove ha ricevuto un riconoscimento la sua grande impresa sportiva. Il Commissario Straordinario ha consegnato...

Napoli-Costiera Amalfitana in bici con lieto fine (video)

In bici, raccoto dettaglliato con finale a sorpresa

Napoli, travolge un kayak e scappa, tragedia a Posillipo

Una donna è morta in un tragico incidente in mare avvenuto a Posillipo, Napoli, quando una barca a grande velocità ha speronato il kayak...

Monitor 4K 2024: qualità e prestazioni degli schermi migliori

Monitor 4K 2024: qualità e prestazioni degli schermi migliori. Le nuove frontiere della tecnologia degli schermi.

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA