La Parigina, da dove nasce, perché si chiama così e ricetta

PUBBLICITA

Potreste pensare che le sue origini sono francesi, ma non è affatto così. Il suo nome trae in inganno, ma le sue radici in realtà si affondano nella cultura partenopea.

Può essere definita come una via di mezzo tra una focaccia e un rustico. Il suo gusto inconfondibile è caratterizzato dal gustoso connubio tra pomodoro e prosciutto. Questi due ingredienti, insieme all’ immancabile provola vengono inseriti in un impasto che è una via di mezzo tra tra la pizza napoletana e la pasta sfoglia.

Assaggiarla non sarà difficile. La potrete trovare facilmente passeggiando per la città in tutte le rosticcerie. La riconoscerete bella e buona nelle teglie rettangolari. Oltre al taglio quadrato c’è anche chi la propone a forma di torta, rotonda e poi tagliata a fette triangolari.

La sua storia e le origini del suo nome

Le sue origini sono completamente napoletane, ma qualcosa di francese nella parigina c’è. Parte di questo delizioso “rustico” infatti è composto dalla pasta sfoglia, la cui ricetta viene tradizionalmente fatta risalire agli inizi del 1800 per opera del famosissimo chef francese Marie Antoine Carême.

Secondo la leggenda popolare sarebbe stato un suo anonimo allievo a portare questa gustosa novità nel Regno delle Due Sicilie alla corte dei Borbone di Napoli.
E allora perché questo nome vi starete chiedendo?

Il suo nome non è riferito in alcun modo a Parigi, la capitale francese, bensì deriva da un simpatico episodio. Questo piatto così gustoso divenne presto una delle merende preferite della regina Maria Carolina d’Austria, e iniziò a così a spopolare per tutto il Regno.

A questo punto era doveroso trovargli un nome degno. E così nacque il nome “Parigina”, che deriva dal napoletano “p’a reggina”, e significa semplicemente “per la regina”.

La ricetta per una parigina deliziosa

Ingredienti

• farina, 400 gr
• acqua, 200 ml
• lievito di birra, 12 gr
• olio, 1 cucchiaio
• sale, 10 gr
• pasta sfoglia, 1 rotolo
• provola, 250 gr
• prosciutto cotto, 150 gr
• pomodori pelati, 300 gr
• olio
• sale
• latte e 1 tuorlo per spennellare

Procedimento

1. Iniziamo preparando la pasta per la pizza formando una montagna con la farina per poi versare al centro lievito e acqua. Impastiamo e aggiungiamo l’olio e il sale. Formiamo un panetto e lo lasciamo lievitare 2 ore coperto da un canovaccio.
2. Trascorse le 2 ore stendiamo la pizza su una spianatoia per ottenere una sfoglia rettangolare di 3mm. Cospargiamo d’olio una teglia vi posizioniamoci la sfoglia di pizza.
3. Per la farcitura copriamo tutto l’impasto con il prosciutto cotto. Poi aggiungiamo i pomodori con olio e infine aggiungiamo anche la provola tagliata a fette sottili.
4. La farcitura è completa dunque possiamo procedere a chiudere la nostra parigina con uno strato di pasta sfoglia. Sigilliamo poi bene i bordi e spennelliamo con latte e tuorlo. Bucherelliamo delicatamente la superficie con una forchetta.
5. Inforniamo la parigina a 190°C e cuciamo per circa 30 minuti. A questo punto fatela raffreddare prima di tagliarla e poi la vostra deliziosa parigina sarà pronta per essere servita.

PUBBLICITA
PUBBLICITA

Leggi anche

Leonardo Menichini presenta Juve Stabia – Turris

  Leonardo Menichini ha risposto alle domande dei giornalisti in sala stampa per presentare la gara contro la Juve Stabia Dobbiamo essere molto più lucidi nella...

Il Monza passa a Salerno!

Salernitana, dalla padella alla brace ! La sconfitta in casa col Monza riduce ulteriormente le possibilità di salvezza

Antonella Di Massa trovata morta a Ischia: era scomparsa dal 17 febbraio

Triste epilogo per la scomparsa di Antonella Di Massa, donna di 51 anni di cui si erano perse le tracce in quel di Ischia lo scorso 17 febbraio.

8 fucili scoperti a Castellammare di Stabia, si trovavano in una borsa su una tettoia

Il ritrovamento a Moscarella I carabinieri del reparto operativo di Castellammare di Stabia hanno rinvenuto armi belliche nascoste all'interno di un borsone sportivo blu, abbandonato...

Ultime Notizie

PUBBLICITA