Mise-en-place nei ristoranti: cosa dice il galateo

PUBBLICITA

La mise-en-place è un elemento fondamentale per qualsiasi attività di ristorazione che desidera distinguersi e offrire un’esperienza culinaria impeccabile.

Non si tratta solo di estetica, ma di funzionalità e comodità per i clienti.

Una tavola ben apparecchiata comunica ordine, professionalità e cura dei dettagli, tutti aspetti che contribuiscono a creare un’atmosfera piacevole e raffinata. Questo in tutte le categorie: dai più informali, fino a quelli stellati.

Il primo aspetto da non trascurare è l’armonia con l’ambiente. Il titolare dovrà avere l’occhio di scegliere accuratamente tutto quello che posizionerà sul tavolo, in quanto l’insieme degli elementi sarà la chiave che darà l’immagine al locale.

Un’idea può essere quella di indirizzarsi verso tovaglie, calici e luci in linea con l’identità, così come un set posate per ristorante Tognana che rispecchi l’atmosfera, l’azienda tra l’altro è fra le più specializzate in accessori professionali per la tavola e la cucina.

Le regole da seguire per offrire un’esperienza senza eguali, comunque, sono ben delineate nel Galateo.

Per chi non lo conoscesse, si tratta di un insieme di indicazioni comportamentali condivise in tutto il mondo che possono aiutare a superare le barriere culturali e a creare un clima di rispetto e di armonia.

Naturalmente trattandosi di suggerimenti mutevoli, si sono evoluti nel tempo, diventando meno rigidi e più flessibili.

In passato, per esempio, la mise-en-place era molto formale e prevedeva un gran numero di posate e bicchieri. Oggi, si tende a preferirne una più semplice e funzionale, con un numero ridotto di stoviglie.

Perché seguire le regole del galateo?

Rispettare le regole del Galateo è importante per diverse ragioni. Innanzitutto, la tavola rappresenta la prima impressione che un cliente avrà del ristorante e, quando si percepisce la cura, si crea un’immagine di professionalità e serietà che invogliano il cliente a tornare.

Inoltre, in base alla posizione del coperto, si può giocare con l’atmosfera, elegante e raffinata, oppure più casereccia e informale, comunicando già l’identità del posto. Questo fa sì che la permanenza sia un’esperienza piacevole e memorabile.

Infine, la disposizione corretta di posate, bicchieri e piatti facilita il servizio e permette ai clienti di mangiare comodamente e al personale di svolgere il servizio con più tranquillità e precisione.

Le regole della mise-en-place secondo il Galateo

Come accennato, le indicazioni possono variare in base alla tipologia di ristorante e al livello di formalità richiesta, ma ci sono alcuni principi generali che dovrebbero essere sempre rispettati:

  • La tovaglia: deve essere pulita e stirata, di un colore neutro o in tinta con l’arredamento del locale.
  • I piatti: I piatti devono essere posizionati al centro del coperto, con il piatto piano sotto e il piatto fondo sopra. Se è previsto un antipasto, si può aggiungere un piattino di servizio.
  • Le posate: devono essere tante quante le portate, disposte ai lati del piatto, con le forchette a sinistra e i coltelli a destra, in ordine di utilizzo. Il coltello o il cucchiaio da dessert, invece, sopra il piatto, in orizzontale.
  • I bicchieri e i calici: devono essere posizionati in alto a destra del piatto, sopra le posate. Quello per l’acqua va posizionato in alto a sinistra.
  • Il tovagliolo: può essere posizionato a sinistra del piatto e piegato in modo decorativo.

La mise-en-place, dunque, è un elemento molto importante e rispettare le regole del Galateo con cura è fondamentale per creare una tavola elegante e funzionale.

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

Sinner può diventare numero 1 al mondo? Quando e in che modo

I miglioramenti di Jannik Sinner negli ultimi mesi sono sotto gli occhi di tutti, appassionati di tennis o semplici tifosi occasionali. Oramai l’azzurro, indubbiamente il...

Juve Stabia Ingenito : ” L’idea di calcio di Pagliuca ha fatto la differenza”

  Juve Stabia parlano gli ex calciatori che hanno lasciato il segno con la maglia delle vespe. Abbiamo raggiunto telefonicamente l'attaccante che ha saputo scrivere...

“Storie di librai”, sfide e successi

"Storie di librai" è la nuova rubrica di Magazine Pragma. Attraverso interviste, visite in loco, fotografie e raccolta di testimonianze, raccoglieremo e narreremo storie di librai, documentando le loro esperienze, le loro sfide e i loro successi

Napoli, nuova aggressione a personale sanitario

A Napoli un uomo di 64 anni ha aggredito un medico e un'infermiera del 118 dopo essere stato soccorso per un malore. Il fatto è...

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA