Registrati
Ti sarà inviata una password per E-mail

Al Napoli Jazz Fest Chiara Civello presenta il nuovo album Eclipse.

Il 5 maggio nella Basilica di San Giovanni Maggiore, Chiara Civello ha presentato il suo ultimo lavoro discografico dal titolo ‘Eclipse’ nell’ambito della terza edizione del Napoli Jazz Fest, la rassegna ideata da Michele Solipano.

Anche per questa occasione, come già successo nelle passate edizione, l’associazione culturale New Around Midnight grazie all’evento contribuirà al restauro dell’Organo Giovanni Galasso del 1890, presente all’interno della Basilica San Giovanni Maggiore

Chiara Civello è la cantautrice romana che si è trasferita negli States, prima artista italiana nella storia ad incidere il suo album d’esordio per la prestigiosa etichetta Verve Records dal titolo “Last Quarter Moon” (2005), che contiene la ballad “Trouble”, composta a quattro mani con il leggendario Burt Bacharach.

Nell’album ‘Eclipse’ prodotto da Marc Collin(Nouvelle Vague), si trova un perfetto equilibrio tra atmosfere classiche e sonorità moderne. Pubblicato dopo tre anni dal precedente ‘Canzoni’ è frutto di una lunga gestazione e delle moltissime esperienze maturate sul palcoscenico e in studio durante questi tre anni. Contiene canzoni nuove e cover atipiche dove il filo conduttore è stato il cinema.

Nell’esibizione napoletana, che ha riempito tutti i posti a disposizione della Basilica, la Civello ha dimostrato la sua maturità artistica sia come autrice che come interprete.

Voce limpida, ben modulata, la Civello nei testi inserisce descrizioni emotive, che giungono dirette all’orecchio dell’ascoltatore, in un clima confidenziale, risaltate nei brani ‘Come vanno le cose’, ‘Cuore in tasca’, ‘La giusta distanza’.

Uno stile elegante, con influenze brasiliane, nei brani’ Sambarilove’ un sambalanço scritto a quattro mani con Rubinho Jacobina , e ’ Um dia’ che ha concluso la serata.

Nella cover di ‘Parole, parole, parole’ (di Gianni Ferro e Leo Chiosso il paroliere di Fred Buscaglione) il pubblico ha accompagnato il ritmo con il battito delle mani.

Anche per l’interpretazione di  ‘El negro Zumbon’ di Flo Sandon’s, il famoso brano cantato da Silvana Magano nel film ‘Anna’ (1951), ha sentito la calda partecipazione del pubblico.

Una serata di note colorate, che la Civello ha tratteggiato con il suo stile, che si arricchisce sempre più di sfumature.

Fonte foto: Pasquale Fabrizio Amodeo

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi