Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Evacuati gli uffici e chiusa la strada

Genova – Poco prima delle 11:00 è scattato l’allarme bomba a palazzo Tursi, sede del Comune di Genova.

Con una telefonata anonima un uomo ha riferito al centralinista che un ordigno sarebbe esploso in Comune tra le 11:00 e le 11.30.

Immediatamente è stato attivato il piano di evacuazione del palazzo; in sette minuti gli uffici comunali sono rimasti deserti e Via Garibaldi è stata chiusa.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri, gli artificieri, la polizia, i vigili del fuoco, i vigili urbani ed il cane anti esplosivi della polizia.

In nome delle Brigate Rosse

L’uomo al telefono si è detto “portavoce delle Brigate Rosse” e ha chiesto la liberazione di Cesare Battisti.

Il sindaco Marco Bucci, nonostante la minaccia dell’esplosione, si è rifiutato di uscire dall’ufficio.

L’allarme è poi rientrato alle 12:30.

L’assessore alla sicurezza ha dichiarato:”Allarme rientrato; dispiace aver mosso così tante persone per una cosa che fortunatamente si è rivelata falsa. Ma il piano di sicurezza ha funzionato…”

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi