" "
Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
Salerno, l’ospedale Cardarelli non paga il risarcimento: al via lo sciopero dei genitori di Arianna Manzo – Inizia questa mattina, davanti al Tribunale di Salerno, lo sciopero della fame di  Eugenio Manzo e Matilde Memoli, i genitori di Arianna Manzo, la bambina tetraplegica, sorda e ipovedente a causa di un errore medico. La piccola, riconosciuta dalla giustizia vittima di malasanità, è creditrice di un risarcimento danni di 3 milioni di euro nei confronti dell’ospedale Cardarelli di Napoli.

Il caso di Arianna Manzo

Il caso risale al 2005, quando, appena nata, fu somministrato alla piccola Arianna,  un farmaco anestetico, oltre il dovuto, che le provocò gravi danni al sistema nervoso centrale. Dopo un giudizio durato 8 anni, l’ospedale Cardarelli è stato condannato in primo grado a risarcire 3 milioni di euro alla famiglia. L’azienda ospedaliera napoletana non ha pagato e ha proposto appello.

Il Cardarelli ha deciso di proporre appello – spiega l’avvocato – E’ un suo diritto, ma si tratta di una decisione moralmente e giuridicamente inaccettabile. Avrebbe dovuto pagare, anticipare anche una parte della somma, ma non lo ha fatto. L’esecuzione della sentenza, inoltre, è stata ritardata dalla pandemia, praticamente un dramma nel dramma. E dal 25 giugno siamo in attesa di conoscere la decisione dei giudici in merito all’istanza di sospensiva del pagamento del risarcimento”.

Magazine Pragma

Print Friendly, PDF & Email

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami