Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Si chiama Partenope la mascotte delle Universiadi 2019

Una moderna sirenetta dalle treccine multicolor e la t-shirt che le scopre l’ombelico. E’ Partenope, la mascotte delle prossime Universiadi che si svolgeranno a Napoli,

Disegnata dalla pittrice Melania Acanfora, la sirenetta è stata tenuta a battesimo, questa mattina, dal campione olimpionico Massimiliano Rosolino.

Mi sono ispirata al mito di Parthenope  sulle cui spoglie si narra nacque il primo nucleo fondativo della città. Graficamente mi sono rifatta a una versione iconografica esistente che ritrae una sirena con due code. Poi l’ho immaginata in chiave moderna, adornandola con treccine dei cinque colori dei Giochi, e con gambe squamate in grado di farla correre e saltare come un’atleta. Perché la mia sirena parte dal mito ma guarda al futuro” – ha detto Melania Acanfora

Universiadi, fiaccola e mascotte

Oltre alla mascotte, presentata anche la fiaccola

La fiaccola, ideata da Martina Crumetti, studentessa del biennio specialistico in design della Comunicazione dell’Accademia delle Belle Arti di Napoli, è bianca con un Vesuvio stilizzato laccato azzurro nella parte superiore.

La fiaccola sarà accesa il 4 giugno a Torino, dove sessanta anni fa, nel 1959, si tenne la prima edizione delle Universiadi.

Da Torino arriverà a Losanna, sede della Fisu, il 6 giugno e il 10 giugno sarà a Milano.

A seguire Assisi, l’11 giugno, nella Cripta e Basilica di San Francesco, Roma e Città del Vaticano il giorno seguente. Da confermare la sosta a Matera, capitale europea della Cultura 2019, il 13 giugno.

Poi l’arrivo in Campania: la torcia sarà ad Avellino dal 20 al 22 giugno; a Benevento dal 23 al 25 giugno; a Caserta dal 26 al 28 giugno; dal 29 giugno al 1 luglio sarà a Salerno fino all’arrivo a Napoli previsto per il 2 luglio, alla vigilia dello show di apertura allo stadio San Paolo dove la torcia – come tradizione nei grandi giochi sportivi – accenderà il braciere dando il via ai Giochi della XXX edizione.

(Foto da Facebook)

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi