Accedi
Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
Home

Altobelli a MP: ” Icardi segna un goal alla Altobelli? Per me e’ solo un piacere”

Oggi per le Interviste di Magazine Pragma, abbiamo raggiunto Alessandro ” Spillo” Altobelli, giocatore che non ha bisogno di presentazioni. Bandiera dell’Inter e Campione del Mondo con la Nazionale Italiana del 1982:

Un suo giudizio sull’Inter?

” L’Inter e’ stata costruita  in estate per fare bene, per migliorare la posizione della scorsa stagione. I nerazzurri, pagano una falsa partenza in campionato, otto punti persi contro Sassuolo, Parma e Torino sono uno score veramente pesante. Sembrava tutto in discussione, anche il bravo Spalletti era finito nel mirino delle critiche ma il goal di Vecino contro gli Spurs ha dato una svolta. La squadra ha ripreso il suo cammino e la sconfitta a Barcellona ci puo stare.”

 

Icardi che segna un goal alla Altobelli del derby…

” Icardi e’ formidabile, e’ un goleador. Nell’area di rigore e’inimitabile. Se paragoni il suo goal ai miei goal, e’ un piacere. Io dopo Meazza sono il calciatore che ha segnato di piu’ nella storia dell’Inter,con 210 goal in 11 anni. Ecco dico questo, perche’ auguro ad Icardi tanti goal e di restare per tanti anni con la maglia dell’Inter, se dovesse superare il mio record sarei contento. Mauro e’ un bravo ragazzo, un grande giocatore ed anche un ottimo capitano. ”

La Nazionale di Mancini?

” Ho visto in campo troppi giocatori, la nazionale deve essere un merito, non una prova. Mancini ha fatto un bel cambio di modulo ed adesso bisogna ripartire dalle cose belle viste in Polonia.”

 

Il ricordo della finale di Madrid del 1982?

” La finale di Coppa del Mondo e’ la partita che tutti i calciatori sognano di giocare. Sono emozioni che non si possono descrivere. Giochi una finale, la vinci e segni pure, cosa puoi aggiungere a tutto questo? Io in carriera ho realizzato piu’ di 300 goal e per molti questo e’ il piu’ importante, ha messo in fila gli altri 300.”

Si ringrazia Alessandro Altobelli per il tempo concesso per questa intervista

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi