Accedi
Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
Home

Cagliari-Sampdoria, il primo round va di scena domani sera alle 20.45, il secondo giovedì alle 21 per il 4° turno della Coppa Italia.

Il Cagliari è reduce dalla battaglia (2-2) di Lecce, la Sampdoria dalla vittoria con l’Udinese a Marassi.

Claudio Ranieri torna a Cagliari che gli tributerà un grande appaluso per il passato, dal 1988 al 1991, dalla Serie C alla Serie A con una salvezza miracolosa.

Claudio non sarà mai un avversario, talmente alto il sentimento verso l’allenatore romano che anche quest’anno, quello del Centenario e del Cinquantenario dallo Scudetto storico, qualcuno si aspettava che Maran venisse sostituito proprio da Re di Leicester.

Altri speravano in Allegri, sia giocatore (1993-1995) sia allenatore (2008-2010) dei rossoblu, ma niente di tutto ciò è successo.

Il mezzo fallimento di Lecce ha creato malumori verso Maran, le sostituzioni discutibili hanno messo sotto processo l’uomo di Trento (Ionita per Simeone, Mattiello per Nainggolan, Rafael per Rog), le espulsioni di Cacciatore prima e Olsen pcausando la non vittoria hanno esacerbato l’ambiente

Trovare un colpevole, non si sa di cosa, è il gioco preferito dei tifosi che si sa, non sono mai contenti.

Eppure il Cagliari ha una posizione di classifica e un totale di punti che l’anno scorso si è ottenuto solamente dopo il doppio delle partite.

E basterebbe questo a tranquillizzare i tifosi.

Sarà forse che l’altitudine fa venire il mal di testa?

E adesso che Olsen dovrà star lontano 4 partite e che Rafael, il secondo portiere non offre garanzie, sebbene l’ambiente e l’allenatore in primis abbiano infuso fiducia in lui, la paura di fare un finale di 2019 infausto sta alienando i tifosi.

VIA L’IPOCRISIA

Se il Cagliari è il alto in classifica ciò è stato determinato dalla qualità dei giocatori, da Olsen a Simeone passando per Nandez e Rog, ossia il centrocampo tanto osannato dalla critica.

Con tutto il rispetto, ne Maran ne Rafael possono essere artecifi di ciò, è facile vincere coi campioni, certo, vanno amalgamati bene e l’allenatore ha il suo ruolo, ma i colpi di genio di Nainggolan non li ha certo insegnati Rolando a Raja.

Con una mentalità vincente come quella di Allegri si sarebbe vista tutta un’altra cosa, probabilmente, manca la conferma che non potrà mai esserci perchè Massimiliano Allegri da Livorno non è l’allenatore del Cagliari.

 

RANIERI

“Andiamo ad incontrare una delle squadre più in forma del campionato, in casa e fuori gioca alla stessa maniera, ci aspetta una partita interessante.

Cagliari è stato l’inizio della mia carriera, ho solo ricordi splendidi, devo essere solo grato alla Sardegna e a tutta la società. 

Quagliarella è recuperato, ha fatto tutti gli allenamenti, spero si sblocchi.

Per la classifica noi siamo ancora in pienissima emergenza, siamo con l’acqua alla gola e dobbiamo giocare come stiamo giocando,

MARAN

Non abbiamo metabolizzato la gara di Lecce e questo lo vedo come un fattore positivo perchè mi dimostra che vogliamo crescere.

Abbiamo allungato la striscia positiva ma abbiamo perso la vittoria.

Sicuramente non abbiamo fatto benissimo come in altre gara ma venivamo da un peridodo fatto in maniera ottimale; siamo mancati in qualcosa ma dal punto di vista della partecipazione siamo stati bravi. Non dimentichiamoci che c’è anche del merito del Lecce, si è visto anche ieri. Questo piccolo calo non deve essere un alibi però​.

Olsen? Non c’è lui ma anche con Rafael non perdiamo nulla sotto il profilo caratteriale, non perdiamo nulla, anche Rafael ha un grande ruolo nel nostro spogliatoio.

Coppa Italia? Ci pensiamo da domani sera alle undici, ora c’è da pensare alla gara di domani​.

 É normale che più destiamo attenzione e più gli avversari inizino a conoscerti bene e a cercare di limitarti ma credo che se metti la prestazione in campo e curi i dettagli e ti alleni al massimo, se siamo così, se siamo una squadra che si gioca una finale ogni settimana, si può andare oltre i propri limiti.

Se possiamo essere da Champions? Noi dobbiamo lavorare giornata per giornata, perchè è questo l’atteggiamento che ci ha portato fin qua.

La Samp ha subìto meno tiri di tutto il campionato e da quando è arrivato Ranieri fa bene, ha lo stesso grande organico dello scorso anno ed è nel suo migliore momento.

Olsen e Cacciatore hanno espresso sui social quello che già avevano detto a noi nello spogliatoio, io aggiungo che dagli errori bisogna imparare e che non bisogna più ripeterli, come accade con gli errori che si commettono in gara​.

LE FORMAZIONI IPOTETICHE

CAGLIARI (4-3-2-1) Rafael; Faragò, Pisacane, Klavan, Pellegrini; Nandez, Cigarini, Rog; Nainggolan, Joao Pedro; Simeone

All.: Maran

SAMPDORIA (4-4-2) Audero; Ferrari, Murillo, Colley, Murru; Ramirez, Ekdal, Vieira, Jankto; Quagliarella, Gabbiadini

All.: Ranieri

ARBITRI :

AURELIANO
BACCINI – ROCCA
IV: RAPUANO
VAR: ABISSO
AVAR: RANGHETTI

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi