Accedi
Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
Home

Sarà la Sampdoria il 4 Dicembre il prossimo avversario del Cagliari nel quarto turno di Coppa Italia, alla Sardegna Arena, i genovesi hanno superato in trasferta il Crotone 3 a 1.

La gara di ieri sera, in uno stadio quasi totalmente esaurito in ogni ordine di posti, era iniziata bene, la squadra di Maran sembrava avesse in pugno gioco e risultato, che si potesse arrivare ad un roboante punteggio. Al minuto numero 7 arrivava il vantaggio, il greco Lykogiannis crossava per il moldavo Ionita che colpiva la traversa con un colpo di testa, la palla arrivava al brasiliano Joao Pedro che insaccava.

Dieci minuti dopo il raddoppio di Marco Rog, l’ex Napoli entrava in area di rigore sul lato destro e scaricava un missile all’incrocio dei pali, niente da fare per Semper, Cagliari 2 Chievo Verona 0.

Tuttavia  in un attimo tutto è stato reso difficile, minuto 39, il portiere brasiliano del Cagliari, Rafael, il sostituto di Cragno,  usciva avventatamente fuori area colpendo la palla col guantone sinistro costringendo il Signor Giua di Olbia ad espellerlo.

Per quanto ineccepibile il cartellino rosso l’arbitro sardo sembra che quando incontra il Cagliari venga posseduto da un malsano desiderio di fargli del male, come accadde da quarto uomo in almeno due circostanze.

Sembra proprio che il pur bravo ragazzo originario del nord Sardegna voglia dimostrare al suo designatore quando è bravo, quanto è imparziale e per farlo usa la squadra che rappresenta un’isola per dimostrare la sua lealtà, che essendo sardo non arbitri bonariamnte a favore dei rossoblù.

Quanto si sbaglia Giua con questa condotta, se crede che lo porterà a scalare la torre del palazzo si sbaglia di grosso, i padroni non amano ne essere contraddetti ne avere dei servi ai loro piedi; c’è anche la leggenda che amino chi gli tiene testa, niente di più falso, loro vogliono solo il potere per loro, giocare con le vite degli altri e non avere intralci.

A parte l’irritazione per la condotta arbitrale il Cagliari ha avuto una risposta che non ci si aspettava, il giovane Pinna, a parte il primo intervento timido, iniziava sulla sua fascia di competenza un martellamento costante.

Joao Pedro anche quest’anno sembra destinato ad essere utilizzato come seconda punta al fianco di Pavoletti, sempre che non venga ceduto o che il tanto desiderato Defrel della Roma sbarchi all’aeroporto di Elmas entro il 2 settembre.

La più probabile svolta sarà l’acquisto del francese ex Sampdoria, la partenza del brasiliano e due imminenti arrivi: Luca Pellegrini in prestito secco dalla Juventus (l’ufficialità a ore, la presentazione domani alla Sardegna Arena senza bagno di folla) e l’acquisizione dell’ex portiere e ora svincolato, del Chievo, Stefano Sorrentino per sostituire Cragno, visto che Rafael, chiamato all’impegnativo ruolo di sostituto, ieri non è apparso ai più in grado di gestire un’assenza importante come quella del portiere di Fiesole.

Al 43esimo arrivava la rete del Chievo sulla punizione scaturita dopo l’espulsione di Rafael, ed anche il portiere Aresti, il terzo, sembrava, sia in quell’occasione sia nella ripresa, molto poco adatto ad un palcoscenico di questo livello, urge un intervento della Società.

RIPRESA

Si è visto anche il giocatore ex Boca Juniors Nández, entrato al 70esimo al posto di Rog, che tuttavia è apparso ancora fuori dagli schemi, sebbene a “garra” non ci sia niente da insegnarli.

All’84esimo usciva l’esordiente Pinna tra il tripudio di applausi dell’Arena, un coro “Pinna-Pinna” partito dalla Tribuna centrale fa presagire ad un futuro roseo per il ragazzino, che sia il nuovo Francesco Pisano?

Al 72esimo arrivava anche la prima ammonizione per Naianggolan, per proteste, la sua grinta si respira già all’esordio.

 

CAGLIARI (4-3-1-2): Rafael; Pinna (85′ Pisacane), Ceppitelli, Klavan, Lykogiannis; Rog (70′ Nandez), Nainggolan, Ionita; Birsa (41′ Aresti); João Pedro, Pavoletti. Allenatore: Maran

CHIEVO (4-3-3): Semper; Bertagnoli, Rigione, Laverbe, Brivio, Pina Nunes, Esposito, Giaccherini, Pucciarelli (76′ Vignato), Meggiorini, Stepinski. Allenatore: Marcolini

RETI: 7′ Joao Pedro (CA), 17′ Rog (CA), 42′ Pucciarelli (CH)

AMMONIZIONI: Bertagnoli, Pina Nunes (CH), Nainggolan (CA)

ESPULSIONI: Rafael (CA)

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi