Una vittoria netta ai danni del Como, un’ottima prestazione contro il Foggia e una altrettanto positiva contro il Verona. Il cammino fin qui, forse inaspettato, da parte del Catania in Coppa Italia, che consentirà ai rossazzurri di tornare a calcare un palcoscenico di Serie A, il Mapei stadium di Reggio Emilia. I siciliani arrivano a questo prestigioso appuntamento con la consapevolezza di non aver nulla da perdere e con la forza di un sogno, quello, in caso di successo, di andare a giocare un ipotetico ottavo di finale al San Paolo, contro Napoli, sfida particolare per la tifoseria etnea, in virtù del grande rapporto di amicizia e fraternità che lega le due città. Già, la forza di un sogno, che potrebbe trainare il carro dei rossazzurri verso la vittoria, la forza di una speranza, tutt’ora viva, di poter tornare a vedere la maglia rossazzurra correre e lottare in palcoscenici diversi da quelli in cui siamo stati abituati negli ultimi anni.

Una sfida che ha anche un sapore passionale e romantico per Roberto De Zerbi, attualmente allenatore del Sassuolo, ma austero simpatizzante del Catania, in quanto, nel 2006, fu artefice della splendida promozione in Serie A.
Gli emiliani chiaramente partono col favore del pronostico, godono di una rosa meglio allestita, nonché tecnicamente superiore. Certamente più forti, ma assolutamente non imbattibili. Appuntamento dunque oggi pomeriggio, ore 18:00, diretta su Rai Sport, per ritornare a scrivere la storia a tinte rossazzurre.

Print Friendly, PDF & Email