Coppa Italia, il pensiero post Napoli-Atalanta

Coppa Italia, il pensiero post Napoli-Atalanta, gli azzurri pareggiano contro la Dea. Di Gianfranco Piccirillo:

Sono due squadre forti, ma in un momento di grande difficoltà quelle che si affrontano in questa prima semifinale di coppa Italia, anche se per motivi diversi. Il Napoli vede lo scontro tra l’allenatore e il presidente e l’Atalanta, che pure ha vissuto una lite feroce tra Gasperini e l’ex capitano Gomes, vive gli strascichi della sconfitta con la Lazio e quindi la gara, che poteva essere spettacolare non decolla anche se la supremazia dei bergamaschi è stata netta e piuttosto evidente a dispetto di un Napoli, che ha puntato su una tattica difensiva come contro il Parma in campionato.

Tutto sommato Gattuso ha preferito essere attendista, rinforzando la difesa e puntando ancora su Lozano come punta centrale, non volendo rischiare dall’inizio Petagna ed Andrew Osimhen, entrati solo nella ripresa, mentre ancora una volta non si è visto il miglior Insigne, costretto ad uscire per un infortunio si spera leggero. Bravo è stato il portiere Ospina contro i suoi connazionali Zapata e Muriel, schierati insieme da Gasperini, e il colombiano ha confermato di essere lui il portiere titolare del Napoli a dispetto di un turn over, peraltro più tiepido tra i pali e anche l’esperimento dei tre centrali ha dato i suoi frutti anche per la bella partita di Demme che ha dato grande quantità al centrocampo ed è stato pure protagonista dell’unica azione veramente pericolosa di un Napoli, che ha puntato tutto sul risultato ad occhiali per giocarsi le sue carte nella gara di mercoledì prossimo a Bergamo. Nell’Atalanta Freuler è stato bravo, ma la squadra orobica ha perso un poco di brillantezza e pure sulle fasce pur giocando bene è mancato l’ultimo passaggio contro un Napoli, che giocando da provinciale ha saputo neutralizzare anche l’estro di Ilicic entrato nella ripresa. Insomma non è andata poi così male al Napoli, considerando le difficoltà in fase offensiva per le assenze di Ruiz e Mertens, e con le parate di Ospina e la buona difesa di Koulibaly e gli altri della difesa la squadra può sperare di qualificarsi per la seconda finale di Coppa Italia consecutiva e probabilmente di incontrare ancora la Juventus grande rivale di sempre.

Leggi la Juventus vede la finale


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

Inter vicino il rinnovo dell’allenatore Simone Inzaghi

Tra gli argomenti sul tavolo in casa dell'Inter c'è quello del possibile rinnovo dell'allenatore Simone Inzaghi. Infatti Tullio Tinti, agente di Simone Inzaghi, è...

Napoli, c’è un indagato per l’incidente in kayak

Un'imbarcazione di 18 metri ha travolto un kayak nelle acque di Posillipo, Napoli, il 9 giugno causando la morte di di Cristina Frazzica, 30...

Juventus ufficiale Thiago Motta

  Juventus è ufficiale l'arrivo di Thiago Motta in panchina. La società ha salutato l'arrivo del nuovo allenatore: Il comunicato ufficiale È ufficiale: il prossimo allenatore della...

Conferenza stampa Un’estate da BelvedeRe 2024 al Belvedere di San Leucio

Giovedì 6 giugno alle ore 12, al Belvedere di San Leucio (Caserta), è stata presentata la IX edizione del festival Un'Estate da BelvedeRE, al via con il piano solo di Giovanni Allevi il 13 giugno.

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA