Register
A password will be e-mailed to you.

Stefano Nava ex Milan in esclusiva a Magazine Pragma

Stefano Nava ex giocatore del Milan ha espresso la sua opinione sulle dimissioni di Gattuso ed in generale sulla stagione del Milan. Di seguito la nostra intervista:

Le dimissioni di Gattuso se le aspettava?

Da persona vera e diretta ci si poteva aspettare di più una decisione del genere da Gattuso che da qualsiasi altra persona, è apprezzabile tutto ciò che ha fatto al Milan e anche questa decisione  molto faticosa sicuramente, ma molto alta dal punto di vista morale.

A livello dirigenziale Leonardo ha dato le dimissioni, probabilmente anche Maldini, si ricomincia daccapo?

Evidentemente si, tutti quelli che facevano parte del management son fuori dal progetto, non so ancora se Maldini farà questa scelta  o sarà indotta. tutto questo dipiace perchè erano figure di un certo spessore e che appartenevano a quelle che era il senso di  appartenenza del Milan. Non è una cosa che rende felicità al tifoso milanista.

Da chi o da cosa deve ripartire il Milan?

Dovrà ripartire da una nuova componente societaria, io auguro al Milan che le sclete che faranno sia il più  competente possibile e più operativo.  Alla base ci deve però essere un progetto e delle idee, perchè senza questo non ci sono componenti societarie in qualsiasi settore che possano arrivare ad obiettivi e successi.

Si parla di Inzaghi o Giampaolo alla guida del Milan. come li valuta?

Sono allenatori diversi nella filosofia di gioco, la scelta deve arrivare da quelle idee di cui si parlava prima. Che tipo di progetto si vuol attuare, che tipo di calcio si vuol giocare, un progetto fatto sui giovani po sulla crescita dei giovani, sulla efficacia del gioco. Sono due allenatori che esprimono un concetto di gioco completamente diverso.

 

Che voto da alla stagione dei rossoneri?

Quali erano gli obiettivi?  Se l’obiettivo era la Champions è ovvio che l stagione non è positiva, se l’obiettivo è esprimiamo tutto ciò che è possibile da questo progetto la stagione è stata molto positiva. Può essere una stagione molto buona, ma anche una pessima stagione.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi