Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Partita a senso unico all’Emirates Stadium, con i Gunners che vincono 5-1: cronaca e tabellino finale di Arsenal vs Everton 5-1.

ARSENAL VS EVERTON 5-1, LA CRONACA:

L’Everton scelto da Sam Allardyce lascia tutti di stucco, con un 5-2-3 privo di qualsivoglia senso, con una squadra completamente fisica e con Bolasie, Niasse e Walcott in avanti, quindi con tutta la qualità lasciata in panchina, dove sedevano i vari Rooney, Sigurdsson e Tosun. Per Coleman tribuna dopo i 90′ di mercoledì. Da non allenatore quale sono io, contro una delle squadre più tecniche della Premier League (forse dietro solo al Manchester City), che gioca soltanto palla a terra, non avrei mai schierato una formazione fatta soltanto di fisicità, e questo non lo dico a posteriori…

Nel primo tempo, già al 6° trova il vantaggio l’Arsenal: palla al centro di Mkhitaryan e tiro a botta sicura di Ramsey che fa 1-0.
Al 10° occasione per lo stesso armeno, il cui tiro finisce di poco a lato. Dopo 4 minuti arriva il raddoppio, con una combinazione dei difensori centrali dell’Arsenal nell’area avversaria: Mustafi fa la sponda di testa per Koscielny e 2-0.
19°, chiusa la partita con il 3-0 ancora di Ramsey, che con un tiro dal limite, deviato da Williams, beffa Pickford.
Al 27° primo tentativo di azione dell’Everton: contropiede giostrato da Niasse, che fa da sponda per Walcott; l’ex della serata entra in area, dribbla un difensore e conclude, ma Mustafi recupera e con un grande intervento riesce a deviare la palla in corner.
Al 32° occasione per Aubameyang, che tutto solo davanti a Pickford non riesce a fare centro. Erano solo le prove generali del gol, perché dopo 5 minuti, ancora Mkhitaryan per il gabonese, e stavolta Pickford non può niente: 4-0.
Al 40° palo colpito da Monreal, di testa, sugli sviluppi di un corner.
Finisce così uno dei primi tempi più brutti della storia dell’Everton e forse della storia del calcio.

Nel secondo tempo l’Everton, senza la spinta di alcuni tifosi usciti al duplice fischio, prova a rendere quantomeno decorosa la sconfitta. Al 52° Niasse, dall’interno dell’area di rigore, lascia partire un tiro che va a sbattere contro il palo alla sinistra di Cech.
Al 56° tiro di Mkhitaryan dalla distanza respinto con una grande parata di Pickford.
64° minuto, Calvert-Lewin, appena entrato, su ottimo cross di Martina, riesce a segnare il gol del 4-1.
10 minuti dopo, Ramsey realizza la sua personale tripletta e ristabilisce le distanze, con un tiro che fulmina Pickford.
Termina con un netto 5-1 la partita all’Emirates Stadium, tra i fischi dei tifosi ospiti e gli applausi di quelli di casa.

Esordio da dimenticare per Mangala, partito titolare al centro della difesa, ma il principale imputato è ancora una volta Sam Allardyce, non in grado di mettere in campo una formazione competitiva, tra l’altro cambiando ogni partita 4/5 giocatori…

ARSENAL VS EVERTON 5-1, IL TABELLINO:

Arsenal (4-2-3-1): Cech (70° Ospina); Bellerin, Koscielny, Mustafi, Monreal (46° Kolasinac); Ramsey (75° Wilshere), Xhaka; Iwobi, Ozil, Mkhitaryan; Aubameyang.

Panchina: Maitland-Niles, Chambers, Elneny, Lacazette. Allenatore: Wenger

Everton (5-2-3): Pickford; Kenny, Keane (46° Davies), Williams, Mangala, Martina; Schneiderlin, Gueye; Walcott (61° Calvert-Lewin), Niasse (78° Tosun), Bolasie.

Panchina: Robles, Holgate, Sigurdsson, Rooney. Allenatore: Allardyce

MARCATORI: 6°, 19° e 74° Ramsey (A), 14° Koscielny (A), 37° Aubameyang (A), 64° Calvert-Lewin (E)

CreditFoto: Facebook

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi