Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Ora che il mercato è finito, si torna a parlare soltanto di campo: oggi alle 18:30 all’Emirates Stadium ci sarà Arsenal vs Everton.

ARSENAL VS EVERTON, LE INDICAZIONI:

Stagione altalenante per entrambe le squadre, con l’Arsenal che deve dare assolutamente una svolta al suo campionato, altrimenti rischia seriamente di rimanere fuori dalla Champions League per il secondo anno consecutivo Basti pensare che nelle ultime 6 partite sono arrivate le sconfitte con Nottingham Forest (costata l’uscita dalla FA Cup), Bournemouth e contro l’ormai ex fanalino di coda Swansea nell’ultima giornata di campionato. Unico risultato positivo la vittoria contro il Chelsea nel ritorno della semifinale di Carabao Cup, che consentirà a Wenger e Co. di giocare il 25 febbraio a Wembley la finale contro il Manchester City.

L’Everton invece è tornato a respirare con la vittoria contro il Leicester di mercoledì, dopo un apnea che durava da 7 partite in cui erano arrivati 3 pareggi e 4 sconfitte. La squadra di Allardyce, rinforzata dal mercato con Tosun, l’ex Walcott e Mangala (ceduti le riserve Mirallas, Barkley e Lookman e Besic in prestito), cercherà di ottenere il massimo da questa partita per avvicinarsi a quel 7° posto (occupato dal Burnley, che dista 4 punti) che varrebbe la qualificazione in Europa League, a meno di sorprese nelle coppe nazionali, che avrebbe qualcosa del clamoroso dato l’andamento della stagione finora.

L’ultima partita all’Emirates Stadium ha confermato l’andamento dell’ultimo ventennio, con la vittoria Gunners per 3-1 il 21 maggio 2017: a segno Bellerin, Sanchez e Ramsey per l’Arsenal e Lukaku su rigore per l’Everton. L’ultima vittoria dell’Everton risale al 20 gennaio 1996 con l’1-2 firmato da Ian Wright (A), Stuart (E) e Kanchelskis (E), a segno negli ultimi minuti della partita, e fece esplodere il pubblico ospite presente a Londra.

ARSENAL VS EVERTON, LE PROBABILI FORMAZIONI:

Arsène Wenger non dovrebbe rischiare Aubameyang, tra l’altro leggermente influenzato (in dubbio la sua presenza, al massimo andrà in panchina), e schiererà così Lacazette in avanti. Nel 4-3-2-1 giocheranno Cech in porta; Bellerin, Koscielny, Mustafi e Monreal in difesa; Wilshere (anche lui reduce da una leggera influenza, ma dovrebbe farcela), Xhaka e Ramsey a formare la diga di centrocampo ed i due fantasisti Mkhitaryan ed Ozil, fresco di rinnovo, alle spalle del centravanti francese sopra citato. Indisponibili Welbeck ed il lungodegente Cazorla.

Sam Allardyce dopo aver recuperato Coleman dall’infortunio, ha riaccolto parzialmente in gruppo anche Funes Mori, che nel prossimo mese si allenerà e giocherà qualche partita con l’U23 quando ce ne sarà l’occasione, per mettere qualche minuto nelle gambe. Ancora da valutare i tempi di recupero di Baines. Saranno quasi sicuramente soltanto due i cambi che BigSam apporterà alla formazione che ha battuto il Leicester mercoledì: in avanti Calvert-Lewin tornerà titolare al posto di Niasse, con Tosun ancora in panca, e Kenny al posto di Coleman, che ha giocato per 90 minuti ed ora ha bisogno di recuperare dopo una lunga inattività. 4-2-3-1 quindi per l’Everton con Pickford in porta; Kenny, Keane, Jagielka e Martina in difesa; Gueye e Davies in mediana; Sigurdsson, Rooney e Walcott sulla trequarti con Calvert-Lewin unica punta. Dovrebbe sedere in panchina Mangala.

Per Walcott sarà una giornata speciale, dato che torna all’Emirates da avversario dopo 12 anni in maglia Gunners, dove ha avuto in Wenger un vero e proprio maestro. Gli infortuni hanno intaccato la sua carriera nelle ultime stagioni, quindi ha perso posti nelle gerarchie ed ha sentito il bisogno di trovare una squadra dove tornare ad essere protagonista, e quella squadra l’ha trovata nell’Everton. Con i Toffees in due partite già 1 assist (per il pareggio di Niasse contro il WBA) e 2 gol, entrambi contro il Leicester, che hanno regalato la vittoria che mancava da troppo tempo. Insomma, siamo sicuri che non sarà un sabato normale per il talento delle giovanili del Southampton.

Arsenal (4-3-2-1): Cech; Bellerin, Koscielny, Mustafi, Monreal; Wilshere, Xhaka, Ramsey; Mkhitaryan, Ozil; Lacazette. Allenatore: Wenger

Ballottaggi: Wilshere 65% – Elneny 35%.

Everton (4-2-3-1): Pickford; Kenny, Keane, Jagielka, Martina; Gueye, Davies; Walcott, Rooney, Sigurdsson; Calvert-Lewin. Allenatore: Allardyce

Ballottaggi: Jagielka 45% – Williams 35% – Mangala 20%, Davies 70% – Schneiderlin 30%, Rooney 60% – Bolasie 40%, Calvert-Lewin 70% – Tosun 30%.

ARBITRO: Neil Swarbrick

STADIO: Emirates Stadium

CALCIO D’INIZIO: 18:30 (ora italiana)

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi