Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
0 0 Voto
Vota Articolo

Tutto è cambiato.
Dopo la sconfitta a dir poco rocambolesca del Genoa di Ballardini, fermato in casa da un Parma insidioso e quadrato, il mondo genoano è stato ribaltato come un calzino.

 

Embed from Getty Images

 

Sliding doors

I Rossoblu passano in vantaggio con il goal del solito Piatek, che spedisce in rete di testa un bel traversone di Lazovic.
Ballardini è meritevolmente salvo.
La panchina del grifone è nelle mani giuste: un allenatore preparato e intelligente; ama il Genoa ed è amato dalla tifoseria.

Il Parma reagisce e si riporta in parità col colpo di testa dell’ex Rigoni.
Ballardini traballa.

Succede di tutto: Piatek realizza 2 quasi goal, uno annullato per fuorigioco, il secondo non convalidato dalla goal technology.
Gli emiliani invece non perdonano; vantaggio di Siligardi, con una bella conclusione mancina a giro, poi definitivo 1 a 3 firmato Ceravolo.
Partita messa in ghiaccio.
Ballardini è già virtualmente licenziato.

 

 

Embed from Getty Images

 

 

Rapporto finito

La tifoseria ama il Balla ma il presidente ha ormai preso la sua decisione: Juric viene richiamato, Ballardini congedato con ben poco onore.
Motivazioni?
Il giudizio espresso dalla dirigenza Rossoblu non lascia adito ad alcun equivoco.
Ballardini è scarso. Non è l’uomo adatto per proseguire questa stagione; i 12 punti in classifica che ha contribuito ad ottenere nelle prime 7 giornate di campionato non sono sufficienti.
Il Genoa è squadra costruita per giungere in posizioni di classifica più nobili: vanta una rosa di giocatori di grande talento e possiede l’attuale capocannoniere della serie A.
L’obiettivo minimo non può essere definito come il solo raggiungimento di una tranquilla salvezza.
L’Europa league è il traguardo a cui puntare.
Mister Ballardini, è la causa principale delle sconfitte rimediate: non ha saputo dare un gioco alla squadra.

 

Embed from Getty Images

 

Partite ‘semplici’ come quest’ultima di Parma non si possono perdere se si vuole giocare in Europa l’anno prossimo.
Perciò, è conseguenza logica attuare il cambio alla guida del Grifone.
Fuori Ballardini, dentro Juric, allenatore che da maggiori garanzie tecniche e tattiche.

In conclusione, senza mostrare un atteggiamento prevenuto verso il nuovo tecnico, si può logicamente affermare che Juric sarà ‘obbligato’ a far meglio del suo predecessore.
Se invece eguaglierà i risultati ottenuti da Ballardini, senza produrre un gioco spettacolare e ben orchestrato, allora con tutta probabilità si troverà a far i conti con un nuovo rischio esonero.
Infine se l’allenatore croato dovesse ottenere meno di 12 punti in 7 giornate, il suo ritorno sulla panchina del Genoa potrà essere considerato un vero e proprio fallimento.
Il cammino è arduo.
Auguri mister Juric.

 

Embed from Getty Images

 

 

Print Friendly, PDF & Email
0 0 Voto
Vota Articolo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Clicca qui e lasciaci un commento! Grazie.x
()
x
Enable Notifications    Ok No thanks