Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
0 0 Voto
Vota Articolo

Tra meno di tre ore si aprirà la sfida tra Benevento e Genoa, una partita valida solo a fini statistici in quanto nessuna delle due formazioni ha obiettivi da raggiungere in questo finale di campionato di serie A.

Il Benevento è ormai automaticamente retrocesso; il Genoa è aritmeticamente salvo.

E’ immaginabile dunque che gli allenatori proveranno a mescolare le carte, in cerca di spunti e novità tattiche di valore.

Squalificati Pandev e Zukanovic, troveranno spazio dall’inizio Izzo e Lapadula. A Genova Pegli sono rimasti Pedro Pereira, Laxalt, Bessa e Rigoni, tutti acciaccati. Anche Perin e Taarabt non potranno essere del match.

Prevista la difesa a 3, El Yamik dovrà vedersela con il gigante Diabatè.

 

Embed from Getty Images

 

Rosi è in ballottaggio con Lazovic per un posto sulla fascia destra; sull’altro fronte agirà invece il giovane Omeonga che verrà testato in una posizione per lui inusuale.

Cofie cerca posto in mediana, potrebbe sfruttare l’assenza combinata di Rigoni e Bessa.

Davanti praticamente certo del posto Lapadula, duello per il ruolo di seconda punta tra il favorito Giuseppe Rossi e il portoghese Yuri Medeiros.

 

Embed from Getty Images

 

Probabili formazioni:

BENEVENTO (4-3-3):

Puggioni;  Sagna, Djimsiti, Tosca,  Letizia; Sandro, Cataldi, Viola; Brignola, Diabatè, Parigini.

Allenatore: Roberto De Zerbi.

 

GENOA (3-5-2):

Lamanna; Biraschi, El Yamiq, Izzo; Lazovic, Hiljemark, Cofie, Bertolacci, Omeonga; Medeiros, Lapadula.

Allenatore: Davide Ballardini

Print Friendly, PDF & Email
0 0 Voto
Vota Articolo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Clicca qui e lasciaci un commento! Grazie.x
()
x
Enable Notifications    Ok No thanks