Napoli le pagelle della Stagione 2022-2023

Le pagelle della stagione del Napoli. Complice il campionato dominato dalle prime giornate, i voti non potranno che essere (quasi) tutti molto alti.

Alex Meret 8: Il più criticato dei giocatori del Napoli, spesso ingiustamente. La scorsa stagione gli veniva data la colpa per qualsiasi gol, quest’anno dopo un inizio così e così (complici le voci dell’arrivo di Navas) si riprende e diventa decisivo in molte partite. Memorabile la sua parata di riflesso contro l’Atalanta durante la partita di andata.

Pierluigi Gollini 6.5: Arrivato per sostituire il partente Sirigu, viene chiamato in causa in poche occasioni, mettendosi però in mostra. Mostra delle incertezze dovute però al suo lungo stop.

Idasiak S. V.

Marfella S. V.: va ricordato che Marfella è, oltre a Gaetano, uno dei due napoletani a vincere lo scudetto.

Min-Jae Kim 9: Arrivato nello scetticismo generale al posto di Koulibaly, il gigante coreano fa dimenticare il Comadante K2 fin dalla prima partita. E dalla seconda di campionato, inoltre, il pubblico del Maradona intonerà il coro “Kim-Kim-Kim” ad ogni sua giocata.

Rrhamani 7: Diverse partite sotto tono, ma la sua fora fisica e la buona alchimia con Kim gli fanno mantenere il posto. Dalla partita contro la Juventus a Napoli, condita da un gol, tornerà ad alti livelli.

Ostigard 7: Meriterebbe anche un voto più alto, ma le poche partite giocate non lo consentono. Ma sostituisce bene Rrhamani durnate l’infortunio di quest’ultimo.

Juan Jesus 6.5: Nella prima parte di stagione sostituisce Kim riuscendo a non farlo rimpiangere troppo. Nelle ultime partite il suo rendimento però cala bruscamente, infatti il gol preso dalla Salernitana è quasi interamente dovuto ad una sua chiusura tardiva.

Mario Rui 8: Il Professore. Basterebbe il suo soprannome a spiegare tutto. Altro giocatore troppo criticato, diventa un perno fondamentale. Unico difetto, troppo spesso si fa prendere dalla foga. Unico della rosa, assieme a Zerbin, a non aver mai timbrato il cartellino marcatori.

Olivera 7: Non abile a difendere come Mario Rui, ma altrettanto bravo nello spingere. Cala un po’ anche lui verso la fine della stagione ma non come Juan Jesus. Per 23 minuti è anche l’autore del gol scudetto contro la Salernitana.

Di Lorenzo 9: Il Capitano eletto dallo spogliatoio. In diverse occasioni si carica la squadra sulle spalle e la trascina alla vittoria, come nella difficile trasferta di Lecce.

Bereszynski S.V.: arrivato in prestito dalla Sampdoria al posto del partente Zanoli, si fa male dopo una partita (Coppa Italia contro la Cremonese). Gioca poi a fine campionato.

Lobotka 10 e lode: il vero leader di questa squadra, il cinghialotto di Spalletti, il regista. Passa troppo sotto silenzio, ma è lui il vero perno di questo Napoli. La stagione di Lobotka si può commentare in questo modo: fa sempre la cosa giusta.

Demme S.V.: due gravi infortuni ne condizionano l’utilizzo in questo campionato.

Zielisnki 7.5: resiste alle sirene della Primier League, accetta una riduzione dell’ingaggio pur di rimanere. “Voglio vincere a Napoli” disse. Stagione con prestazioni altalenanti, ma l’amore per la maglia non si discute.

Anguissa 8.5: Un solo gol quest’anno. Ma è un giocatore forte, veloce, praticamente instancabile. Muscoli e qualità ecco le sue armi. Unico difetto, a volte si incolla un po’ troppo il pallone al piede.

Elmas 8: Dopo la foto della panchina “Il mio amore” viene dato per partente. Sostituisce Kvara dopo l’infortunio. Prestazione eccellente con gol vittoria. E tutte le polemiche spariscono. Lui stesso chiederà scusa a Spalletti.

Ndombele 8: arrivato in prestito quasi all’ultimo per sostituire Fabian Ruiz, le sue prime partite sono quasi oscene. Poi sente la fiducia di Spalletti, ingrana e, benché quasi mai titolare, mette sempre bene il fisico quando c’è da usare la mazza ferrata.

Zedadka S. V.

Gaetano 6: un voto politico per le sue ottime qualità. Si infortuna seriamente durante l’ultima di campionato.

Kvaratskhelia 9: partenza a bomba, cala nel finale. Ma le qualità del calciatore non sono in discussione. E anche se lo fossero i dodici gol e i tredici assist stagionale, con una media voto di 7.4, non possono sparire.

Lozano 6.5: stagione simile a quella del compagno di reparto Politano. Tanta grinta ed altrettanto impegno, ma tre gol per un esterno sono pochi.

Politano 7-: Voto leggermente più alto solo per aver segnato un po’ di più in Champions. Può dare di più.

Zerbin S.V.

Giacomo Raspadori 8: Solo due gol in campionato, ma portano sei punti. Ma segna di più in Champions (quattro reti). E inoltre vuoi mettere il segnare il gol vittoria contro la Juventus allo Stadium?

Giovanni Simeone 8: Anche per lui pochi gol, quattro in campionato, ma altrettanto decisivi. Più le reti in Champions e Coppa Italia. Sarebbe da 8.5 ma le prestazioni offerte durante il secondo infortunio stagionale di Osimhen sono carenti.

Victor Osimhen 10: 31 gol stagionali, capocantiere assoluto della serie A, miglior marcatore di testa (il suo punto debole secondo alcuni). Anche se non timbra il cartellino, fa sentire la sua presenza lottando su ogni pallone. Un incubo per i difensori avversari, che si ritrovano ad affrontare un mostro che combatte su ogni palla, anche quelle destinate al fondo.

Spalletti 10 e Lode: arriva nello scetticismo (sono più gli interisti e i romanisti ad esaltare l’acquisto), viene contestato ferocemente. Poi vince lo Scudetto dopo 33 anni. Cosa c’è da aggiungere.

Aurelio De Laurentiis 10: non sarà simpatico. Non sarà la migliore persona con cui avere a che fare. Ma tagliando i costi, con i conti in regola, vince lo Scudetto. Non sarebbe da prendere da Esempio? Non è da dieci e lode solo perché a volte parla senza rifletttere.

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

Pompei scelto il nuovo allenatore

Pompei la società ha scelto Daniele Cinelli come nuovo allenatore. Il comunicato stampa ufficiale FC Pompei comunica di aver affidato a Daniele Cinelli l’incarico di allenatore...

Juve Stabia due colpi in entrata!

Juve Stabia arrivano altri due colpi in entrata come riporta una nota ufficiale della società. Il primo colpo di giornata La S.S. Juve Stabia comunica di...

Come prepararsi a un viaggio in Lapponia: abbigliamento e accessori da mettere in valigia

Ci sono viaggi che tutti sognano di fare almeno una volta nella vita. Il motivo è legato al fascino delle destinazioni, terre sospese tra...

Meglio guardare la partita o fare un’escursione sul Sentiero degli Dei? (video)

Qualche settimana fa ci siamo trovati di fronte ad un dilemma: "Meglio guardare la partita di calcio della Nazionale Italiana o fare una passeggiata/escursione sul Sentiero Degli Dei, tra Agerola e Nocelle?"

ULTIME NOTIZIE

Juve Stabia due colpi in entrata!

PUBBLICITA