" "
Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

La rimonta sembrava impossibile per il Napoli che però ci è andato molto vicino. Due a zero con le reti di Zielinski e Insigne (primo gol nel 2018) illudono i tifosi e, all’ultimo secondo, Tonelli centravanti improvvisato sfiora la palla del possibile del 3 a 0.

Embed from Getty Images

Il Napoli non ha mai vinto in Germania, neanche con Maradona, è la vittoria della Coppa UEFA nel 1988 i partenopei vinsero in casa per 2 a 1 e fecero 3 a 3 al ritorno e ciò rendeva ancora più difficile l’operazione. Sarri schiera in parte la formazioen titolare con Zielinski al posto di Callejon, Mertens al centro e Tonelli al posto di Koulibaly.

Il Lipsia batte il calcio d’inizio ma è il Napoli che vuole fare la partita, come era lecito aspettarsi, ma sono i tedeschi ad avere la prima occasione da gol.  Sabitzer conclude di destro, la palla carambola sulla faccia Tonelli, che poi colpisce in pieno la traversa a Reina battuto e rischiando una clamorosa autorete.

Il Napoli costruisce il suo gioco ma la difesa tedesca regge molto bene, mettendo Insigne e Mertens in fuorigioco più di una volta. Ma gli azzurri hanno un altro piglio rispetto all’andata e al 32′ iniziano quella che sembra una clamorosa rimonta. Insigne, pescato in area da Diawara, calcia a giro, il portiere Gulasci respinge e Zielinski ribadisce in porta l’uno a zero.

Embed from Getty Images

Nel secondo tempo il napoli cerca ancora il pressing e il Lipsia vuole reggere il colpo e ripartire, ma non trovano spazi. Il napoli tuttavia non trova spazi anche perché i due difensori centrali tedeschi ovvero Konatè e Upamecano fanno una partita memorabile intercettando una quantità incredibile di palloni.

Al 70′ mario Rui si fa male ed entra Hysai e Callejon sostituisce Hamsik. A cinque minuti dalal fine il gol del’illusione. Allan ruba palla, si fa largo in mezzo a tre giocatori e serve Callejon, lo spagnolo si invola e crossa in area. Insigne ruba il tempo a Konate e firma il due a zero.

Embed from Getty Images

Hassenhult, a questo punto, ordina alla sua difesa di non salire più e di difendere con le unghie e con i denti il passaggio del turno. Il Napoli accelera ma i tedeschi stavolta reggono e la palla sfiorata da Tonelli al 95′ è la conclusione di una rimonta sfiorata e,a ncora di più, di una grande occasione sprecata una settimana fa.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami