Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

A Marassi incontro piacevole tra due squadre in salute. Ma Sampdoria e Sassuolo alla fine si annullano a vicenda, con le difese che prevalgono sui rispettivi attacchi.

Primo tempo

Sampdoria in campo con Ramirez nel ruolo di trequartista. Caprari e il rientrante Saponara si accomodano in panchina. Giampaolo conferma inoltre la difesa meno battuta del campionato sotto la direzione di Tonelli, il match winner di Bergamo. A centrocampo, Barreto è preferito a Linetty.

Il Sassuolo si schiera con la difesa a tre, imperniata sull’ex Siracusa e Perugia Giangiacomo Magnani, che alla fine risulterà uno dei migliori in campo; passi da gigante per un ragazzo che fino a 10 mesi fa giocava in Serie C. In attacco Babacar è il terminale con Berardi e l’ex Djuricic che agiscono alle sue spalle.

Al 7′ è Babacar che ci prova ma Tonelli lo ostacola costringendolo a calciare alto. Grande circolazione di palla degli ospiti ma la Samp cerca di ribattere colpo su colpo. Al 26′ grande palla gol in mezzo all’area per Ramirez, su assist di Quagliarella; ma il piede è il destro, quello sbagliato, e l’uruguaiano calcia in curva. Poco dopo è Murru, ormai una certezza, che pesca in area Defrel, altro ex della serata, ma il tiro del francese è timido e finisce a lato (30′).

La partita è viva, i ritmi sono alti e ci sono diversi capovolgimenti di fronte. Al 35′ è Berardi a colpire il palo con un sinistro a rientrare, dopo un’azione insistita. Sull’altro fronte Barreto scambia bene con Quagliarella e calcia, da posizione defilata, centrando in pieno Consigli. Poi è ancora Defrel ad essere fermato da una respinta del solito Magnani (45′). Termina così il primo tempo.

Secondo tempo

Dopo un quarto d’ora di equilibrio Giampaolo decide che è giunto il momento di Caprari che però va a sostituire l‘acciaccato Defrel e non Ramirez come ci si sarebbe aspettato.

La partita è un po’ più dura e spigolosa del primo tempo: le due squadre applicano al meglio la fase difensiva e non lasciano spiragli agli attacchi. Il Sassuolo fa prevalentemente la partita con un’ottima circolazione di palla e la Sampdoria prova a colpire in ripartenza ma non ci sono spazi, da una parte e dall’altra.

Gli uomini di Giampaolo riescono a rendersi solo alla mezz’ora, con un colpo di testa di Andersen che non inquadra lo specchio.

Giunge quindi il momento di Saponara, che rientra dopo oltre un mese, in campo al posto di Ramirez (30′). Il nuovo entrato viene subito pescato da Quagliarella in area e calcia al volo di sinistro, in ottima coordinazione, ma il tiro finisce alto non di molto. Ci prova quindi per gli ospiti, Bourabia ma il suo tiro termina non distante dal palo (40′).

Giampaolo gioca l’ultima carta, il polacco Kownacki, che prende il posto di Quagliarella (40′). Ma non ci sono spazi neanche per lui e la partita termina senza reti.

Pareggio giusto alla fine, in una partita che forse avrebbe meritato qualche gol. La Sampdoria, con la difesa migliore del campionato e una delle migliori in Europa, raggiunge il quinto posto in classifica. Il Sassuolo è subito dietro ad un punto, insieme a Roma e Fiorentina.

Il Tabellino:

Sampdoria 0  Sassuolo     0

Sampdoria (4-3-1-2): Audero; Bereszynski, Tonelli, Andersen, Murru; Barreto, Ekdal, Praet; Ramírez (30′ s.t. Saponara); Defrel (17′ s.t. Caprari), Quagliarella (42′ s.t. Kownacki).
A disposizione: Rafael, Belec, Vieira, Sala, Jankto, Colley, Linetty, Tavares, Ferrari.
Allenatore: Giampaolo.
Sassuolo (3-4-2-1): Consigli; Marlon, Magnani, G. Ferrari; Lirola, Bourabia, Magnanelli, Di Francesco (26′ s.t. Sensi); Berardi, Djuricic (20′ s.t. Adjapong); Babacar (37′ s.t. Matri).
A disposizione: Satalino, Pegolo, Lemos, Peluso, Sernicola, Trotta, Dell’Orco, Locatelli, Brignola.
Allenatore: De Zerbi.
Arbitro: Fourneau di Roma 1.
Assistenti: Vuoto di Livorno e Gori di Arezzo.
Quarto ufficiale: Pezzuto di Lecce.
VAR: Valeri di Roma 2.
Assistente VAR: De Meo di Foggia.
Note: ammoniti al 5′ p.t. Marlon, al 20′ p.t. Andersen, al 32′ p.t. Di Francesco, al 9′ s.t. Barreto, al 18′ s.t. Berardi per gioco scorretto; recupero 2′ p.t. e 4′ s.t.; abbonati 17.057 (rateo 170.851 euro), paganti 2.007 (incasso 30.075 euro); terreno di gioco in buone condizioni.

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi