Sandro Sciarappa : ” D’Arco e Maglione due grandi Presidenti, Lunerti un esempio”

Sandro Sciarappa è stato un calciatore importante che ha sempre segnato goal importanti in giro per lo stivale. L’attaccante che ha vestito anche le maglie di Juve Stabia e Melfi ci racconta un pezzo della sua carriera:

-Hai giocato con la Juve Stabia. Che cosa ha significato per te la maglia gialloblù?

Dopo il campionato vinto a Melfi sono andato alla Juve Stabia e fu una grande gioia arrivare a Castellammare Di Stabia, una grande piazza molto desiderata dai calciatori. In quel campionato la Juve Stabia era costruita per vincere con calciatori importanti come Baratto, Sibilli o Rufini ma poi sono andato via perchè non ero in sintonia con Mister Raffaele e decisi di lasciare e fu un grosso rammarico.

-Quando sei stato a Castellammare di Stabia al timone ci stava il Presidente Paolo D’Arco. Che ricordo hai della sua figura?

Paolo D’Arco è stato un grande presidente, una persona immensa e passionale. Nel calcio di adesso è praticamente impossibile trovare un presidente del suo calibro e della sua caratura.

-Sei molto amato a Melfi. Come è nato questo legame con la piazza?

A Melfi ho vinto tanto, ho segnato tanto dove ho fatto cento goal ed è stata la città che ha fatto crescere i miei figli. Anche in questa piazza il presidente Giuseppe Maglione ha fatto cose incredibili ed anche lui come Paolo D’Arco è merce rara nel mondo del calcio.

-Hai segnato tanti goal nel corso della tua carriera. Né esiste uno che ti porti nel Cuore?

Ho avuto la fortuna di fare tanti goal. A Pozzuoli in Serie C contro la Salernitana, oppure a Taranto quando giocavo a Melfi vincemmo in pieno recupero e fu un goal importante. Posso dire a Terzigno oppure a Castellammare in Coppa Italia contro la Puteolana. Insomma è difficile scegliere. Quando segni è sempre una grande emozione.

-Il calciatore che ti ha impressionato di più quando giocavi ?

Mi ha fatto una grande impressione un ex Juve Stabia ossia Giorgio Lunerti, non sbagliava mai sotto porta. Quando giocavo a Pozzuoli eravamo amici di stanza e mi ha dato tanti consigli utili per la mia crescita. Una persona fantastica.

-Chi è stato l’allenatore che ricordi con più affetto?

Come allenatore posso dire che ho avuto tanti Mister che mi hanno sempre offerto tanti consigli. Se devo fare un nome dico Mister Chiappini ai tempi di Melfi.

Si ringrazia Sandro Sciarappa per il tempo concesso per questa intervista

Segui sui social

Leggi l’intervista all’ex Everton 

 

 

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

L’avventuriero novellino di Ossan… – L’angolo del nerd e dell’Otaku

Rick Gladiator è deciso a diventare un avventuriero, cosi quel che sosti. Per questo si è allenato intensamente per due anni. Ma Rick ha un problema: ha trentadue anni. Questo rende scettiche le persona intorno a lui. Questo perché il potere magico, alla base anche della forza fisica, man mano che si avanza di età è sempre più difficile da incrementare. Ed infatti viene spesso deriso e sottovalutato per questo. Tuttavia Rick ha un segreto: nei suoi due anni di allenamento è stato seguito dal team più forte dell'intero continente, Orichalcon Fist, composto da avventurieri di classe S, tutti in grado di spazzare via intere armate. 

Salvatore Marra sposa una nuova avventura

Salvatore Marra ex calciatore della Juve Stabia con un vissuto importante anche da allenatore trova una nuova panchina. La nota ufficiale della società Salvatore Marra nuovo...

Angri calcio importanti novità

Angri calcio la società ha reso noto delle importanti riconferme per la prossima stagione. Il comunicato stampa ufficiale della società 𝗔𝗡𝗖𝗢𝗥𝗔 𝗖𝗢𝗡 𝗡𝗢𝗜! 𝗥𝗜𝗖𝗢𝗡𝗙𝗘𝗥𝗠𝗔 𝗣𝗘𝗥 𝗞𝗟𝗝𝗔𝗝𝗜𝗖,...

Savoia ancora un colpo di mercato

Savoia arriva un nuovo calciatore.  La società di Torre Annunziata sempre molto attiva in materia di calciomercato. La nota ufficiale Ancora un rinforzo nel pacchetto under,...

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA