Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Cagliari-Napoli: 0-1

Col il suo centoventesimo gol Mertens, oltre ad avvicinarsi ad Hamsik, trascina il Napoli all’ottavo posto. Vittoria importantissima per tre motivi. Si avvicina alla quota dei quaranta punti, da un po’ di continuità dalla partita di Coppa Italia e si porta a meno due dal sesto posto. Gli azzurri rimangono in attesa della partita di Lunedì sera fra Milan e Torino, ma la vittoria rimane.

I litigi sembrano aver fatto molto bene Napoli. Gattuso ieri ha cacciato e non convocato Allan, il Cagliari si lecca le ferite per la brutta settimana iniziata con il banale infortunio di Pavoletti fuori campo (con tanto di conferenza stampa per smentire le chiacchiere su un litigio interno). Altro aspetto importante; dopo il successo con l’Inter, i partenopei espugnano la Sardegna Arena senza prendere gol. Tutto grazie alla giocata straordinaria di Mertens che vede Cagliari e poi segna. Infatti è il decimo gol ai rossoblù del belga. Il Napoli si iscrive alla corsa europea, mentre il Cagliari, che non vince dal due Dicembre, crolla. Ed è contestato dai tifosi.

Il Napoli entra in campo con lo stesso atteggiamento usato contro l’Inter. Squadra compatta, corta, che non corre rischi. Il Cagliari infatti tira una sola volta con Simeone, non che il Napoli faccia di più. Nel secondo tempo il Napoli prende campo e consistenza grazie ad Elmas, che si dimostra devastante e imprendibile. Zielinski, da fuori, costringe Cragno in angolo alla parata più bella della gara. Gattuso capisce una cosa: che deve osare e manda in campo anche Insigne per Demme. Il risultato è che, quattro minuti dopo, il Napoli passa. Hysaj serve Mertense la giocata del belga è da manuale. Conclusione splendida e decimo gol di Mertens al Cagliari.

Altri cambi: Politano per Callejon, Maran rischia Paloschi per Pereiro e Mattiello per Walukiewicz. Pellegrini trova Ospina, Nandez (che stende Hysaj) il giallo che gli fa saltare Verona. La reazione del Cagliari non è forte, anzi inconsistente. Maran prova a buttare dentro anche Birsa. Tuttavia l’unico pericolo Ospina lo corre su un tiro da fuori del centrale estone Klavan.

Leggi anche:

 

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi