Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
0 0 Voto
Vota Articolo

Il Maestro la spunta su Ringhio – 2 a 1 all’Allianz Stadium

Un’ottima Juventus batte un ottimo Napoli. Una partita bella, divertente (soprattutto nella ripresa), con la Juventus che alla fine si porta i tre punto a casa. I bianconeri sono inferociti, ma i partenopei non hanno intenzione di cedere senza lottare. E né esce un bell’incontro di calcio. La Juventus si assicura una posizione di classifica più tranquilla, ma il Napoli può ancora sperare nella Champions. Gattuso è quinto, la Lazio è a meno cinque, con una partita in meno, ma il Milan è a più quattro.

I migliori in campo sono i due numeri ventidue, Chiesa e Di Lorenzo. Ma ad aprire le marcature sono due clamorosi errori, uno di CR7 ed uno di Zielisnki. Il portoghese, al secodno minuto, con Meret scavalcato da un bel cross di Danilo, incredibilmente liscia il pallone. Un minuto dopo Lozano semina la difesa bianconera, mette in mezzo basso per Zielisnki che, senza essere pressato, manda in curva.

La Juventus pressa, il Napoli si difende. Ma al 13′ Chiesa manda al bar Hysai (che soffre maledettamente) e crossa in mezzo. Rrhamani si perde Ronaldo che fa uno a zero.

Embed from Getty Images

Il Napoli alza il pressing, la Juventus cerca di ripartire. Ma non ci sono altre occasioni fino al 40′, una per parte. Prima Cuadrado, liberato proprio da Chiesa, tira ma Meret è reattivo e manda in angolo. Ribaltamento ed Insigne, servito da Hysai, tira a giro e palla di un soffio fuori. Da segnale un doppio errore di Mariani e del VAR. Prima Lozano, in scivolata, colpisce Chiesa in area. Check e rigore negato. Al 46′ Zielinski viene atterrato in area da Alex Sandro. Anche qui è rigore ed anche qui arbitro e VAR lasciano correre.

Nella ripresa Di Lorenzo e Chiesa ricamano altre due azioni da gol. Prima l’ex Empoli impegna Buffon che manda in angolo. Un minuto dopo l’ex Fiorentina, servito da Cuadraro, colpisce di testa ma Meret blocca. A questo punto Gattuso, che non ci sta, inserisce Politano e Osimhen per Lozano e Demme. E il nigeriano si fa subito sentire.

L’ex Lille, servito da Mertens, scarta Chiellini e conclude in porta, Alex Sandro si immola. Al 59′ dribbling secco in area su De Ligt e sinistro potente, Buffon con i piedi mette in angolo. E il Napoli a fare la partita, e Buffon è miracoloso su Fabian Ruiz. Al 73′ Dybala subentrato ad un impalpabile Morata, si inventa il gol del due a zero.

Embed from Getty Images

Partita finita? No. Perché il Napoli si riversa nella metà campo bianconera. Ed è Osimhen il più pericoloso. Prima costringe Alex Sandro ad un maldestro intervento, con Buffon che evita l’autorete. Poi all’88, Chiellini stende in area proprio il nigeriano. Insigne si prende il pallone e segna il suo centotreesimo gol con il Napoli.

Embed from Getty Images

Il forcing finale dei partenopei è impressionate, ma non basta ad evitare la sconfitta. Ma la lotta per la Champions rimane accesa. Ed inoltre il gol di Insigne, oltre a rendere meno amara la sconfitta, impedisce alla squadra di Piro di mettersi in vantaggio negli scontri diretti.

Print Friendly, PDF & Email
0 0 Voto
Vota Articolo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Clicca qui e lasciaci un commento! Grazie.x
()
x