" "
Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Protagonisti inaspettati questa settimana per la nostra classifica dei migliori goals. Ecco la top 5 goals della 7a giornata di Serie A.

(foto in evidenza fonte Instagram)

N.5 Marcelo Brozovic (Benevento – Inter 1-2)

Se deve ritornare, lo fa da protagonista. In un Inter che non brilla, Marcelo Brozovic fa scoccare le scintille quanto basta per i 3 punti. Doppietta che lo fa tornare in cima alla lista dei probabili titolari dell’enigmatico Spalletti. Apre la giornata con un colpo di testa e la chiude con una punizione fantastica. Belec non la vede partire e di conseguenza fa un passo preventivo alla sua destra. Brozovic invece libera un missile che si insacca nell’angolo alto alla sinistra del portiere gialloblu, che a quel punto non può nulla. Epic win for Epic Brozo.

N.4 Luis Alberto (Lazio – Sassuolo 6-1)

Non sente la fatica. Questa è l’unica spiegazione plausibile per giustificare il rendimento continuo dell’ex Liverpool, tanto disprezzato lo scorso anno quanto amato quest’anno. Risponde al vantaggio del Sassuolo con una punizione che per un destro è quasi impossibile insaccare da lì. Dalla sua destra, lo spagnolo con l’interno la piazza nell’angolo alto del palo a lui più vicino. Va a togliere le ragnatele dalla porta di Consigli. A Roma contattate Luis Alberto se vi serve un casalingo!

N.3 Lucas Castro (Chievo – Fiorentina 2-1)

Dove l’ha messa Castro?! Una sua doppietta risolve la sfida del Bentegodi con la pazza Fiorentina. I viola non hanno ancora trovato un equilibrio e il numero 21 può colpire indisturbato con i suoi inserimenti sul secondo palo. Il suo complice è Perparim Hetemaj, al quale viene lasciato troppo spazio per il traversone da sinistra. Il poliziotto impacciato è Federico Chiesa, che si lascia sfuggire sotto gli occhi il colpevole. Il killer è Lucas Castro che, dal secondo palo, di testa trova il palo lontano della porta di Sportiello. Il portiere viola è innocente e non può fare nulla, se non guardare il meraviglioso lob dell’argentino. Delitto perfetto.

N.2 Mbaye Niang (Torino – Hellas Verona 2-2)

Finalmente Niang. Dopo tante prestazioni deludenti trova la via del gol l’ex Milan. Un gol alla Niang, per dimostrare le sue potenzialità fisiche e tecniche. Ljajic porta palla sulla zona mediana della metà campo avversaria. Scarica a sinistra da Niang che punta Caceres e vede arrivare anche il raddoppio di Valoti. Il francese finta di andare verso il fondo, ma rientra sul destro, passando in mezzo alle due maglie gialloblu, entra in area e anticipa l’intervento di un terzo difensore con un tiro preciso sul primo palo a battere Nicolas. L’infortunio di Belotti gli darà sicuramente un posto da titolare, Niang saprà ripagare a suon di gol?

N.1 Rodrigo Palacio (Genoa – Bologna 0-1)

El trenza sconfigge il Grifone. Sembra il titolo di una saga da bestseller, invece è ciò che è successo a Genova sabato sera. Un Genoa in difficoltà cade in casa sotto i colpi del Bologna di Cavalier Rodrigo. Il 35enne argentino cavalca a grandi falcate verso la porta dopo l’assist filtrante di Pulgar e il velo di Destro. In campo aperto è infermabile. Solo la velocità di Laxalt riesce a rallentarlo e a sbilanciarlo, ma lui, prima di cadere, si inventa un tocco di punta-esterno che va a baciare il palo lontano difeso da Perin. Il portiere del grifone si era avventato di gran carriera addosso al numero 24, ma non ha potuto nulla. Terzo risultato utile consecutivo per gli emiliani. A Bologna si continua a vivere felici e contenti, nel segno di Cavalier Rodrigo.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
" "