Castellammare di Stabia, inaugurata La Casa di Imma (foto)

PUBBLICITA

Castellammare di Stabia – Questa mattina presso la sede del Commissariato di Polizia di Stato si è svolta l’inaugurazione de “La Casa di Imma”, struttura fortemente voluta destinata all’accoglienza di madri e minori vittime di violenza. Tantissime le autorità intervenute e le associazioni che hanno partecipato fattivamente, attraverso donazioni, alla costituzione della struttura stessa.

3a9bfed3 8d7f 453f 82e6 9120c4ff36c7

“La casa di Imma” è dedicata ad Imma Villani, uccisa la mattina del 20 Marzo 2018 dal marito. Imma, quella mattina aveva accompagnato la sua bambina di 8 anni a scuola. Ad attenderla fuori c’era suo marito Pasquale Vitiello, 35 anni, che con alcuni colpi di pistola ebbe a ferirla mortalmente Imma prima di suicidarsi in un capannone poco distante dal circolo didattico di Terzigno dove era stato compiuto l’omicidio.

Una tragedia che ha lasciato un profondo segno e che, purtoppo non può dirsi un caso isolato. E’ di ieri, 8 Marzo, la notizia della morte di una donna di origini ucraine per mano del suo compagno che poco dopo aver compiuto il femminicidio è scappato via tra i campi di Rosarno (Reggio Calabria) dove è stato ritrovato ed arrestato. Sul corpo della povera vittima sono stati riscontrati molti segni di colluttazioni che hanno raccontato anni di violenze subite.

2b8ecaf1 f162 4dd0 b0d9 090be810edbb

Accogliere chi è in difficoltà in ambienti adeguati, una delle nostre priorità

Aiutare chi è in difficoltà, chi non è al sicuro tra le mure domestiche, chi pensa di non avere alternative, chi per paura soccombe, ma anche sensibilizzare la cittadinanza – sono questi gli obiettivi dell’iniziativa promossa dal Commissariato di Polizia di Stato di Castellammare di Stabia, nella persona del vice commissario Rita Villani –  progetto già messo in campo nel 2019 attraverso l’inaugurazione della stanza di Imma oggi divenuta una vera e propria abitazione dove le donne che trovano il coraggio di denunciare casi di violenza subita possono sentirsi al sicuro con i propri bambini.

007b2e95 62c5 48de a6df b3f419c86e6e

La tutela delle vittime vulnerabili è un elemento chiave della nostra attività. Viene svolta sia impiegando operatori altamente specializzati sia accogliendo le persone che denunciano tali reati in ambienti adeguati, adeguati come la bellissima area che è stata appena inaugurata qui al Commissariato di Castellammare di Stabia” – così il Questore di Napoli, Dr. Alessandro Giuliano.

“Si tratta di reati che hanno un trend di crescita che ci impongono un grande impegno. C’è, inoltre, un altro aspetto da considerare, quello culturale ed è per questo che siano presenti ad ogni iniziativa anche negli istituti scolastici affinchè si abbia una maggiore consapevolezza di genere.” – ha aggiunto il Questore di Napoli.

numero antiviolenza

 

PUBBLICITA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

LEGGI ANCHE

La sicurezza nel mondo del 5G

Nell'era digitale odierna, un'innovazione rivoluzionaria sta rimodellando il panorama della comunicazione globale, promettendo di accelerare la nostra transizione verso un futuro interconnesso: la tecnologia 5G.

Scafati, fermato presunto pedofilo

"Preso l'ottantenne che ha molestato una bambina di 12 anni...grazie alle telecamere...non finisce qui" - scrive sulla sua pagina Facebook il primo cittadino di Scafati, Pasquale Aliberti

Napoli, nuova aggressione a personale sanitario

A Napoli un uomo di 64 anni ha aggredito un medico e un'infermiera del 118 dopo essere stato soccorso per un malore. Il fatto è...

Blockchain nel settore pubblico: casi d’uso

Blockchain nel settore pubblico: casi d'uso. Come la pubblica amministrazione può giovarsi di un'innovazione tecnologica ricca di possibilità-

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA