La grandezza della lirica al Teatro di San Carlo a Napoli

Il Teatro San Carlo di Napoli è uno dei teatri lirici più prestigiosi al mondo, e naturalmente non poteva che far parte dei monumenti considerati Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco .

Il suo nome completo è Real Teatro di San Carlo, ed è il più antico teatro d’opera d’Europa e del mondo a essere tuttora attivo.
Un altro importante primato che vanta è quello di essere stato il primo teatro italiano a istituire una scuola di danza.

Fondato nel 1737 anticipa di 41 anni il Teatro alla Scala di Milano e di 55 anni il Teatro La Fenice di Venezia. In origine, poteva ospitare 3285 spettatori, che sono stati poi ridotti a 1386 in seguito alle normative sulla sicurezza.
Date le sue dimensioni, struttura e antichità ha fatto da modello per i successivi teatri d’Europa.

Storia e importanza del Teatro di San Carlo a Napoli

Il Real Teatro di San Carlo di Napoli fu realizzato per volere di Carlo di Borbone, intenzionato a dare alla città un nuovo teatro che rappresentasse il potere regio.
Non a caso il San Carlo venne inaugurato il 4 novembre 1737, in occasione del giorno dell’onomastico del Re, dal quale prese il nome il teatro.

È nel 1812 che qui nacque la Scuola di Danza più antica d’Italia. Il Teatro è da sempre fulcro dell’opera lirica e, a partire dall’istituzione della scuola di danza, anche fulcro del balletto classico in tutta Europa. Il San Carlo ha richiamato sul suo palco artisti del calibro di, Bellini, Bach, Händel, Mozart. Tra i direttori e musicisti celebri che si sono esibiti qui, Gioachino Rossini, Gaetano Donizetti, Giuseppe Verdi.

Un momento critico nella sua storia fu l’incendio del 1816: la ricostruzione successiva avvenne in nove mesi a cura dell’architetto toscano Antonio Niccolini, nominato dall’ allora Re di Napoli, Gioacchino Murat.

Le bellezze architettoniche del Teatro di San Carlo a Napoli

A più di 280 anni dalla sua fondazione, il Teatro di San Carlo è ancora oggi uno dei teatri più belli del mondo, difatti sono molti gli artisti che lo hanno definito come tale.
Sontuoso, elegantissimo, e ricco di decorazioni in oro, specchi e velluti rossi, entrare al suo interno vi darà un’emozione unica.

Il soffitto del San Carlo è molto particolare e ricco d’arte, come tutto il resto della struttura.
Sulla sua volta potrete ammirare una scena dipinta che rappresenta Apollo che presenta a Minerva i più grandi poeti del mondo, realizzata dai Cammarano.
Sulla tela sono presenti diverse figure della storia, come anche Dante e Beatrice.

Guardando invece il maestoso palcoscenico potrete osservare lo stemma voluto dai Savoia, i quali, dopo l’unità d’Italia, lo fecero sostituire a quello delle Due Sicilie.

Per i più appassionati, all’interno del Teatro trovate anche il Memus, un vero e proprio museo.
Al suo interno quadri, foto, costumi, strumenti musicali ed altri oggetti caratteristici vi faranno ripercorrere la storia del Teatro San Carlo.

La programmazione del Teatro di San Carlo a Napoli

Per tutti gli spettacoli in programma al teatro potete consultare questo link

Come raggiungere il Teatro di San Carlo a Napoli e informazioni pratiche

Il teatro è sito in Via San Carlo, 98F, Napoli.

Se preferite raggiungerlo con la metropolitana dovrete prendere la Linea 1.

Potete scegliere di scendere alla stazione Toledo, per poi percorrere a piedi via Toledo verso piazza del Plebiscito e raggiungere piazza Trieste e Trento.

In alternativa potete scendere a Municipio, percorrere via Salvatore Morelli fino al Maschio Angioino, svoltare su via San Carlo e raggiungere il Teatro.

Se arrivare in autobus vi è più comodo, prendete l’R2 o il C25, e scendete alla fermata San Carlo – Galleria Umberto I.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

AI Software 2024: intelligenza artificiale, automazione e produttività

AI Software 2024: intelligenza artificiale, automazione e produttività. Una rivoluzione di processi e metodologie di lavoro

Ecco quali sono i pellegrinaggi che chiuderanno il mese mariano a Pompei

In previsione della fine del mese di Maggio e del mese mariano a Pompei, sono stati organizzati vari pellegrinaggi. Da Venerdì 24 Maggio inizieranno i pellegrinaggi volti a concludere il mese mariano.

Juve Stabia William Jidayi : ” Castellammare mi lasciato un ricordo che va oltre il calcio”

Juve Stabia parla l'ex centrocampista delle vespe William Jidayi che ci racconta un pezzo del suo vissuto nella città delle Terme . Che cosa ti...

Premier League i voti della stagione 2024 la magia del Mago Emery

  Premier League i campioni sono sempre i Citizens che alzano ben tre trofei ma l'Aston Villa si regala un campionato da favola. L'Everton da...

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA