Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
0 0 Voto
Vota Articolo

“Pipì sospesa”, una fantasiosa iniziativa tutta Made in Napoli. In cosa consiste? Ve lo spieghiamo noi.

Napoli, record di turisti

Negli ultimi anni Napoli è entrata a far parte della top 20 delle mete turistiche più ricercate al mondo. A Dicembre, dall’Immacolata a Natale, a Napoli si è registrato un vero e proprio record di presenze. Ma la città non è pronta del tutto a reggere l’impatto dell’ondata turistica.  Oltre ad un sistema di trasporti non sempre affidabile, la difficoltà maggiormente segnalata dai turisti è quella legata alla carenza di toilette pubbliche.

Napoli

Pipì sospesa, l’iniziativa lanciata da Gianni Simioli

La filosofia del napoletano è quella di prendere atto dei problemi e attraverso l’ironia e la fantasia cercare la soluzione. La soluzione  non è sempre la più “ortodossa”, ma l’ironia è l’espediente che da secoli aiuta il popolo partenopeo a superare la tragicità di talune situazioni.

L’iniziativa “Pipì sospesa” è la soluzione ad una problematica segnalata dagli ascoltatori di Radio Marte. A raccogliere le segnalazioni è stato Gianni Simioli nel suo programma “La Radiazza”, in onda tutti i giorni.

Dove  soggiornare a Napoli

http:// Booking.com

Consumazione obbligatoria? No, c’è la “Pipì sospesa”

Gianni Simioli, sulla scorta delle lamentele raccolte dai propri ascoltatori ha lanciato l’iniziativa/gioco “Pipì sospesa”. Ecco in cosa consiste.

Il problema: La carenza di toilette pubbliche costringe i turisti a richiedere l’utilizzo della toilette nei bar della città. Tale richiesta, divenuta sempre più frequente, ha creato non poche difficoltà ai proprietari dei bar che, in alcuni casi, hanno iniziato a richiedere la consumazione obbligatoria per accedere alla toilette.

Soluzione proposta da Gianni Simioli: Chiunque consumi un caffè nei bar di Napoli e non usufruisce della toilette, può comunicare al barista che lascia a chi ne avrà bisogno, la possibilità di usufruirne, anche senza consumare.

L’iniziativa segue la filosofia del caffè sospeso, l’usanza partenopea di lasciar pagato un caffè a chi non può permetterselo. Nel caso della “pipì sospesa” si dona la possibilità di usufruire gratuitamente della toilette, il che si traduce nel piacere di visitare la città e in un’occasione di sorriso.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
0 0 Voto
Vota Articolo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Clicca qui e lasciaci un commento! Grazie.x
()
x
Enable Notifications    OK No thanks