Pompei, taglio del nastro per la mostra “Maradona, il genio ribelle”

Al via il viaggio che racconterà ciò che Maradona è stato per il Napoli Calcio, ma anche per la città di Napoli e per Pompei. Centoquaranta tra i più suggestivi scatti firmati dal fotogiornalista Sergio Siano e circa 100 cimeli originali del campione argentino (tra magliette, scarpe, tute e molto altro) prestati dal Museo Vignati, l’incredibile ed esclusiva dotazione della mostra “Maradona, il genio ribelle” che sarà inaugurata sabato 1° aprile 2023 (ore 19.30, ingresso su invito) a Pompei, presso il Museo Temporaneo di Palazzo De Fusco, in piazza Bartolo Longo. Da domenica 2 aprile la mostra sarà aperta al pubblico. Ingresso gratuito.

Al taglio del nastro interverranno: il sindaco di Pompei Carmine Lo Sapio, il fotogiornalista e autore Sergio Siano e Massimo Vignati che cura il Museo Vignati di Napoli con i cimeli di Maradona. Saranno presenti, inoltre, Fabrizio Scomparin e Stefano Nasti,  curatori della mostra Kaos48 e l’artista Nello Petrucci, ideatore dell’esposizione sulla vita di Diego.

Nel corso della serata è prevista anche la presenza di Corrado Ferlaino, presidente del Napoli degli Scudetti del 1987 e del 1990, e di Gianni Improta, ex calciatore che ha vestito la maglia azzurra negli anni ’70 e nei primi anni ‘80.

“Maradona, il genio ribelle” è realizzata da Art and Change con il patrocinio del Comune di Pompei ed è curata da Kaos48. L’esposizione sarà visitabile gratuitamente fino al 9 giugno 2023.

“Maradona, il genio ribelle”, la mostra

Le fotografie di Sergio Siano hanno immortalato le più decisive gesta atletiche di Diego per le vittorie del Napoli, ma anche i suoi momenti più “intimi” in cui El Pibe de Oro rimaneva ad allenarsi da solo al Centro Paradiso, lontano dai riflettori e dall’entusiasmo, talvolta straripante (per usare un eufemismo), dei tifosi napoletani. Ma anche quegli stessi tifosi e le loro incontrollabili manifestazioni di gioia, in occasione dei trionfi azzurri dell’epoca, sono rimasti impressi nelle immagini del fotoreporter partenopeo.

A guardare oggi quelle foto, si capisce che non si limitano a raccontare i successi di una squadra di calcio e del suo leader. Sono, piuttosto, una finestra che si affaccia su un’epoca che non c’è più, scandita dai successi di Maradona, del Napoli e di Napoli.

Ci sono, poi, i cimeli originali del Museo Vignati che fanno della mostra una “stanza delle meraviglie”: si va dalla camicia che Diego indossava il giorno stesso in cui ha messo piede a Napoli al pallone del Mundial ’86; dal giubbotto usato nel riscaldamento prima della semifinale di Coppa Uefa 1989 a Monaco di Baviera al pallone della partita vinta a Torino contro la Juventus nell’anno del primo Scudetto (1987).

Un’attenzione particolare, nel corso della mostra, sarà infine dedicata al rapporto speciale che il campione argentino aveva con la città di Pompei, che raggiungeva spesso per regalare un sorriso ai bambini delle Opere di carità del Santuario mariano.

 

INFO UTILI

Museo Temporaneo di Palazzo De Fusco

Piazza Bartolo Longo – Pompei (NA)

Inaugurazione 1° aprile 2023, ore 19.30 – Su invito

Dal 2 aprile al 9 giugno 2023 – Apertura al pubblico – Ingresso gratuito

Da martedì a domenica, dalle ore 11.00 alle ore 19.00

Biglietti su: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-mostra-maradona-il-genio-ribelle-574698838697

 

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

Juve Stabia il primo test della stagione

Juve Stabia allenamento congiunto a Telese Terme. Allenamento Congiunto, Juve Stabia – Equipe Campania 5-0: il tabellino del match Al Campo Comunale di Telese si è...

La Premier Meloni condanna l’attentato a Trump

Il Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni ha espresso solidarietà per i gravi fatti degli Stati Uniti con l'attentato a Donald Trump. Il Post social di...

Il Pomigliano Jazz 2024 apre con Gonzalo Rubalcada Trio

Il famoso pianista jazz cubano Gonzalo Rubalcada apre la 29° edizione del Pomigliano jazz

Detti napoletani: “‘E chiacchiere s’ ‘e pporta ‘o viento; ‘e maccarune jengheno ‘a panza”

‘E chiacchiere s' ‘e pporta ‘o viento; ‘e maccarune jengheno ‘a panza." (letteralmente "Le chiacchiere se le porta il vento; i maccheroni riempiono la pancia"). più che mai rilevante e attuale

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA