Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
0 0 Voto
Vota Articolo

Maison Pepper nasce dalla voglia di creare e mettere in gioco la fantasia. Spille, scatole, ghirlande, addobbi per la casa, tutto tra innovazione e tradizione

C’era una volta un bambino che amava giocare a casa della nonna, si ritrovava a rovistare tra i cassetti ed ogni tanto trovava un bottone che era stato messo lì per caso. Prendeva quel bottone con sé e lo conservava. Guardava le pareti di quella casa che sembra un mercatino delle pulci, tanti oggetti, quadri e lampade, mobili e utensili. Allora pensava bene di spostarli cambiando la loro disposizione e tutto assumeva un’immagine diversa, quella che per lui sembrava più adatta e anche più vintage. Ammirava la semplicità della nonna ma al tempo stesso la invogliava a farla risaltare con trucco e abbigliamento un po’ più eccentrico, divenendo così lo stilista personale di quella donna con la quale desiderava trascorrere più tempo possibile. Quel bimbo che già in tenera età amava il vintage, l’essenziale ma anche l’originalità, quel bimbo che ama curiosare e rendere particolare tutto ciò che vede con un pizzico di vena artistica si chiama Antonio Pepe.

Classe 89′, diplomato al liceo artistico di Salerno dove coltiva la sua passione per l’arte per poi renderla viva grazie alle sue creazioni. Maison Pepper nasce dalla voglia di creare e mettere in gioco la fantasia. Spille, scatole, ghirlande, addobbi per la casa, tutto tra innovazione e tradizione.

Da dove nasce Maison Pepper?

“Maison Pepper è il mio mondo. La mattina mi sveglio, inizio a lavorare e metto in gioco la mia fantasia. Una creazione che effettivamente parte dal nulla. Penso a quello che voglio realizzare, ci provo e alla fine riesco a dar vita alla mia creatività. Ciò che posso consigliare grazie all’esperienza che sto vivendo con la mia maison è sicuramente quello di sperimentare sempre la proprio creatività ed usare la fantasia”.

In quale versione possiamo trovare le tue creazioni?

“Possiamo trovare le mie creazioni in ogni angolo della casa, infatti mia madre è felice di questo. Creo scatole con il legno e di questo devo ringraziare mio padre che mi aiuta a lavorarlo. Ghirlande per addobbare la casa, di ogni genere e colore. Spille per arricchire il proprio outfit e renderlo vintage”.

Dove riesci a trovare il materiale per le tue creazioni?

“Amo molto i mercatini dell’usato e devo dire che, nelle mia zona, ce ne sono molti e non ne perdo nemmeno uno. I bottoni, per esempio, sono scelti con cura ed ognuno ha il suo perché. Non si butta mai niente e tutto ciò che si può riciclare lo prendo con me  e cerco di renderlo nuovo e particolare”.

Parliamo delle tue spille, su quali outfit si possono indossare?

“Sicuramente su di un outfit vintage cadono a pennello, proprio perchè le mie creazioni hanno questa impronta. Non mi piacciono le cose statiche e semplici quindi per un outfit preferisco osare ma mai cadere nel trash. Le mie spille sono caratterizzate da colori caldi quindi su di una camicia oppure su una giacca, sia maschile che femminile, si possono accostare tranquillamente”.

Quali sono i progetti futuri firmati da Pepper? Non vi resta che seguire tutte le sue novità per la casa e per il proprio outfit sulla sua pagina Facebook. Tra originalità e tradizione, Maison Pepper è capace di farti viaggiare nel tempo e vivere un’aria vintage a tutti gli effetti, profumi e colori di un’epoca da vivere e che si sta rispolverando in questi ultimi anni.

 

Print Friendly, PDF & Email
0 0 Voto
Vota Articolo

A proposito dell'autore

Un pizzico di arte, una soffiata di teatro, colori di moda e un bicchiere di vino. Ingredienti giusti per garantire affidabilità e passione di Clemente Donadio. Un giornalista che segue le riga di Oscar Wilde e si fa trasportare dal senso estetico di Gabriele D’Annunzio. Un amante delle camicie di Armani e delle passerelle della moda. Giornalista della propria città, si affaccia al mondo della moda con passione e audacia, cercando nel particolare la grande bellezza e lo stile raffinato. Intraprendente critico, è alla continua ricerca di forma estetica anche nel mondo della fotografia e tra il sipario di un teatro. Il tutto si può riassumere in un aforisma di Wilde: “Si dovrebbe essere un’opera d'arte, o indossare un'opera d'arte”.

Post correlati

Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Clicca qui e lasciaci un commento! Grazie.x
()
x