" "
Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Salvatore Misticone, alias l’esilarante Scapece, il cittadino di Castellabate dal dialetto incomprensibile di Benvenuti al Sud (2010) e Benvenuti al Nord (2012) nei giorni scorsi, è stato ospite di Edijay, il canale TV di Magazine Pragma.

Il simpaticissimo artista partenopeo che vanta una ricchissima carriera artistica, non solo come attore, ma anche come cantante, lasciandosi andare ai ricordi ha raccontato alcuni divertenti aneddoti relativi al backstage dei due film diretti da Luca Miniero.

Salvatore Misticone: “Io e Bisio facemmo cap e cap”

In Benvenuti al Nord, nel girare la scena in cui Alberto (Claudio Bisio) crede che Silvia (Angela Finocchiaro) sia tornata a casa e che stia dormendo nel letto della loro camera matrimoniale, Misticone spiega che Bisio, gettandosi sul letto, si sia avvicinato troppo, per cui liberandosi delle coperte, i due attori hanno finito per darsi una grossa capocciata.

“Io e Bisio facemmo “cap e cap”.Per me fu facile, ero già steso a letto – ha raccontato Misticone –  ma per Bisio fu davvero dura. Fummo costretti a fermare le riprese”

“Ebbi compassione per una comparsa, ma…”

In Benvenuti al Sud, Misticone racconta che nel girare la scena del Postmat si perse molto tempo nel concordare alcune cose. Nella scena c’era anche una comparsa con una scatola in mano.

Misticone ebbe compassione per quel poverino che dovendo essere ripreso per un solo istante, aspettava da tanto tempo che si mettessero d’accordo. La comparsa era francese e Misticone, sfoggiando il suo francese migliore cercò di spiegare all’uomo ciò che stava accadendo, raccontandogli la trama del film.

Ebbene quella comparsa era Dany Boon, regista ed attore di Giù al Nord, nonché co-produttore del remake Benvenuti al Sud, che nella versione italiana appare in un cameo.

 

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami