Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
0 0 Voto
Vota Articolo


A Napoli e dintorni, il giovedì santo è tradizione mettere in tavola una gustosa zuppa di cozze. Pare che tale usanza abbia avuto inizio durante il regno di Ferdinando I di Borbone.

Storia della zuppa di cozze del giovedì santo

Pare che il monarca, dal carattere piuttosto “rustico”, fosse anche molto goloso. Fu padre Gregorio Maria Rocca ad invitarlo a non eccedere a tavola almeno durante la settimana santa. Ferdinando I allora, per non rinunciare a quello che era uno dei suoi piatti preferiti (le cozze) ordinò ai cuochi di prepararle in una maniera meno sontuosa. Fu così che i cuochi di corte optarono per una zuppa con pomodoro, peperoni e cozze.

Wok disponibile su Amazon

La ricetta

Da allora la ricetta ha subito molte varianti. Questa una delle più semplici.

Cozze 1 kg.,
Pomodorini 100 gr,
Olio extravergine di oliva
Aglio
Prezzemolo
Vino bianco
Salsa forte di peperoni (o peperoncino)

Pulite bene le cozze. In una padella mettete l’olio e lasciate soffriggere l’aglio finemente tritato. Aggiungete i pomodorini tagliati a pezzi e poi unite le cozze. Sfumate con un po’ di vino bianco e coprite la padella con un coperchio. Lasciate cuocere a fiamma vivace per circa cinque minuti. Le cozze si apriranno lasciando uscire la loro acqua.

Prendete dei piatti fondi. Adagiatevi sul fondo del pane biscottato o delle freselle (qualcuno preferisce mettere il pane pizza) e versateci sopra la zuppa. Completate con un trito di prezzemolo e un filo di olio al peperoncino o salsa forte di peperone.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
0 0 Voto
Vota Articolo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Clicca qui e lasciaci un commento! Grazie.x
()
x