“Una via agroecologica come contributo multidisciplinare a un futuro nuovo e possibile per l’agricoltura, l’economia, l’ambiente e l’alimentazione”

Ecco i presupposti del 34° Convegno Internazionale di Agricoltura Biodinamica per la rinascita del Sud che si svolgerà i primi due giorni a Napoli e a Capua.
Il Movimento biodinamico nasce negli anni ’30, oggi ha una sede centrale a Milano, in cui a fianco all’impegno culturale, informatico, formativo e di ricerca nasce la Demeter Associazione Italia, che tutela il marchio, controlla la conformità dei prodotti e certifica le aziende che producono biodinamico. Così l’Associazione per l’agricoltura biodinamica non si ferma e organizza ininterrottamente corsi, convegni e iniziative culturali, senza scopo di lucro, ma solo per il bene dell’uomo e della natura.
Il convegno ospiterà ricercatori, personalità, agronomi, agricoltori e specialisti prvenienti dall’ Università di Napoli “Federico II”, dal Ministero per le Politiche Agricole Alimentari e Forestali, dalla Regione Campania, dal FAI Fondo Ambiente Italiano, Consiglio dell’Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali, dal Collegio Nazionale Periti Agrari e Periti Agrari Laureati e dal Demeter italia, per approfondire, discutere le questioni e analizzare quali opportunità offre l’agroecologia biodinamica da ogni punto di vista, che sia economico, agricolo e culturale.
Un modo per aiutare il Sud a risollevarsi e a dimostrare le sue capacità.
A Napoli, il 10 e 11 Novembre si terrà presso il Complesso monumentale Donnaregina; la sessione plenaria si svolgerà nella Sala Navata, mentre le altre 7 sessioni parallele nella Sala Coro Gotico, nella Sala Navata Gotica, nella Sala Solimena, nella Sala Colonne, nella Sala Comunichino e nella Sala Matroneo.
L’ultimo giorno, avverrà nell’Azienda agricola “La Colombaia“, con delle sessioni dimostrative sul campo, per vedere e discutere sul piano pratico. Infine, ci sarà un ricco buffet biodinamico, rallegrato da musica, in una cornice d’eccezione: l’anfiteatro romano di Capua.

Print Friendly, PDF & Email