Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Conferenza di presentazione dello spettacolo “Napoli in rivista”, di e con Diego Macario al PAN

Lo spettacolo, frutto della collaborazione tra Macario e l’associazione Amici dello Spettacolo Diana Oris snc, andrà in scena al teatro del Museo Archeologico Virtuale (MAV) di Ercolano (NA), sabato 10 giugno alle ore 21,00 e in replica domenica 11 giugno alle ore 18,00.

Prodotto dalla BOOM produzioni, esso si avvale delle coreografie curate da Marianna Martusciello che verranno eseguite dal corpo di ballo in cui, oltre alla stessa Martusciello, danzeranno Lucia Cinquegrana, Valentina Cocozza, Jessica Stabile, accompagnate dalla chitarra e dalla voce di Sergio De Simone e dal pianoforte di Antonio Apicella.

Sul palco, a rinverdire i fasti della tradizione teatrale partenopea, Marianna Liguori, Amedeo Ambrosino e l’amichevole partecipazione di Oscar Di Majo, il quale ci ha tenuto a chiarire quale taglio avrà questo spettacolo:

E’ una mini-rivistina: c’è la rivista e l’avanspettacolo! Con le ballerine, le macchiette, il comico, la spalla, i siparietti… gli ingredienti giusti ci sono tutti! Noi andremo in scena portando il meglio di Napoli e della tradizione in chiave moderna.”

I costumi sono di Pina Bonfantini, e lo spettacolo non mancherà di omaggiare la figura del Principe della Risata, a cinquant’anni dalla sua scomparsa.

Il nostro spettacolo porta in scena un genere che non si vede più così spesso a teatro, ma che fa rivivere dei meccanismi classici tipici dell’avanspettacolo sempre apprezzati dal pubblico. Attraverso scenette, momenti di balletto e comicità, “Napoli in Rivista” guarda al passato, ma con uno sguardo all’attualità, con contenuti inediti, che chi verrà a teatro vedrà per la prima volta. Lo scopo è far divertire lo spettatore, ma con la tradizione, senza volgarità, far vedere a teatro una Napoli bella, dal volto pulito che sul palcoscenico prende vita e riesce ad emozionare grandi e piccini, vecchie e nuove generazioni. È uno spettacolo per tutti.” (Diego Macario)

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi