“Il pane perduto” di Edith Bruck (La nave di Teseo)

“Il pane perduto” di Edith Bruck, edito da La nave di Teseo, è tra i 12 candidati al Premio Strega 2021.

“Il pane perduto” di Edith Bruck (La nave di Teseo)

Ungheria, anni ‘40. Edith è la più brava della classe. E’ l’ultima di sei fratelli e la vita scorre lieta fino a quando un giorno, tornando da scuola accade qualcosa che la piccola Edith non capisce subito.  La casa ristrutturata con tanti sacrifici viene presto abbandonata. La nuova sistemazione è un ghetto, prima di approdare ad Auschwitz.  Edith miracolosamente sopravvive agli orrori di Auschwitz e ne esce mano nella mano con la sorella.

“Il pane perduto” è disponibile anche su Amazon

“Se sono sopravvissuta, avrà pure un senso, no?” chiede la Bruck nella sua lettera a Dio – “Noi non abbiamo né il Purgatorio né il Paradiso, ma l’Inferno l’ho conosciuto, dove il dito di Mengele indicava la sinistra che era il fuoco e la destra l’agonia del lavoro, gli esperimenti e la morte per la fame e il freddo“. 

La Bruck con lo stile asciutto ed essenziale che la contraddistingue racconta la rinascita dopo una serie di peregrinazioni e di cocenti delusioni.

Ti lascio dormire

Della stessa autrice: “Ti lascio dormire” dedicata al suo compagno di vita, il regista Nelo Risi.

 

 

“Ti lascio dormire” è disponibile anche su Amazon

 

 

 

 

Altri libri candidati al Premio Strega 2021:

 

 

 

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

La Premier Meloni condanna l’attentato a Trump

Il Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni ha espresso solidarietà per i gravi fatti degli Stati Uniti con l'attentato a Donald Trump. Il Post social di...

Il Pomigliano Jazz 2024 apre con Gonzalo Rubalcada Trio

Il famoso pianista jazz cubano Gonzalo Rubalcada apre la 29° edizione del Pomigliano jazz

Detti napoletani: “‘E chiacchiere s’ ‘e pporta ‘o viento; ‘e maccarune jengheno ‘a panza”

‘E chiacchiere s' ‘e pporta ‘o viento; ‘e maccarune jengheno ‘a panza." (letteralmente "Le chiacchiere se le porta il vento; i maccheroni riempiono la pancia"). più che mai rilevante e attuale

L’avventuriero novellino di Ossan… – L’angolo del nerd e dell’Otaku

Rick Gladiator è deciso a diventare un avventuriero, cosi quel che sosti. Per questo si è allenato intensamente per due anni. Ma Rick ha un problema: ha trentadue anni. Questo rende scettiche le persona intorno a lui. Questo perché il potere magico, alla base anche della forza fisica, man mano che si avanza di età è sempre più difficile da incrementare. Ed infatti viene spesso deriso e sottovalutato per questo. Tuttavia Rick ha un segreto: nei suoi due anni di allenamento è stato seguito dal team più forte dell'intero continente, Orichalcon Fist, composto da avventurieri di classe S, tutti in grado di spazzare via intere armate. 

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA