Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
0 0 Voto
Vota Articolo

“Ugo. La vita, gli amori e gli scherzi di un papà di salvataggio” è un libro che mi ha incuriosita molto. A destare la mia curiosità è stata un’intervista a Gianmarco Tognazzi.

Gianmarco Tognazzi è un fiume in piena; nell’intervista ha raccontato in maniera convulsa, la sua vita, quella dei suoi fratelli, quella di Ugo (non lo chiamerà mai “papà” e nel libro spiega il perchè) e quella de “La Tognazza”, la tenuta di Velletri, oggi azienda vinicola seguita esclusivamente da Gianmarco.

Disponibile su Amazon 

Ugo. La vita, gli amori e gli scherzi di un papà di salvataggio (Rai Libri)

Ugo. La vita, gli amori e gli scherzi di un papà di salvataggio è un libro scritto a quattro mani. Gli autori sono RickyGianmarcoMaria Sole e Thomas Tognazzi, tutti figli di Ugo Tognazzi, nati da tre madri diverse.

Il libro si compone del racconto dei quattro figli di Ugo Tognazzi. Quattro temperamenti diversi, quattro modi di raccontare lo stesso uomo. Alla scrittura placida di Ricky si alterna il racconto sanguigno di Gianmarco; al racconto emotivamente forte di Maria Sole si aggiunge quello di Thomas che scopre il padre all’età di sette anni. Attraverso i ricordi dei suoi quattro figli, emerge il ritratto privato di un uomo di cui tutti conosciamo il lato professionale.

Al titolo “Ugo” il sottotitolo “Un papà di salvataggio” perchè Ugo –  raccontano i fratelli Tognazzi –  è stato un papà molto assente per impegni di lavoro e anche quando era presente fisicamente era sempre attorniato da ospiti ed amici; ciò nonostante, al momento del bisogno, era sempre pronto a lanciare una ciambella. I figli/autori raccontano di un uomo molto generoso, di un uomo che amava la convivialità, di un uomo strenuo difensore della sua famiglia allargata.

Molte idee cinematografiche prendevano forma a tavola

I Tognazzi raccontano che molte delle idee cinematografiche prendevano forma intorno ad una tavola imbandita nella tenuta di Velletri, battezzata poi “La Tognazza”. Ugo Tognazzi amava cucinare e ha fatto, della sua tenuta, uno dei primi esempi di azienda agrituristica a km 0. Nelle sue terre veniva prodotto vino, olio, confetture, conserve, verdure ed ortaggi.

Oggi, “La Tognazza”, grazie al lavoro di Gianmarco è un’azienda vinicola di qualità. Le vigne sono dislocate tra Velletri, i Castelli Romani e il Chianti.

 

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
0 0 Voto
Vota Articolo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Clicca qui e lasciaci un commento! Grazie.x
()
x
Enable Notifications    OK No thanks