Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
5 1 Voto
Vota Articolo

2020: Sei serie tv da ricordare – Si stima che con i vari lockdown legati al coronavirus in tutto il pianeta ci sia stato un incremento delle visioni di serie tv di circa il 30%. Molti hanno in pratica cominciato ad utilizzare di più Netflix, Amazon Prime Video, Apple TV+  e così via. Un italiano su dieci lo ha addirittura fatto per la prima volta. Non sono mancate in questo 2020 che ci siamo lasciati alle spalle serie che si sono distinte dalle altre nel mare magnum dell’offerta che si arricchisce sempre di più mese dopo mese.

2020: Sei serie tv da ricordare

Unorthodox

Probabilmente la sorpresa più grande dell’anno, firmata Netflix e accolta positivamente in tutto il mondo. In sole quattro puntate si snoda la storia di una diciannovenne che vive in una comunità ultraortodossa di Brooklyn e che si sottrae ad un matrimonio programmato. Inevitabile riflettere davanti ad una storia struggente come questa e immergersi criticamente in una cultura così particolare. La serie fila via che è un piacere, aumentando sapientemente il grado di suspense sul finale. E poi c’è l’attrice rivelazione Shira Haas, che resta negli occhi e nel cuore.

La regina degli scacchi

Tra le serie del 2020 che ha riscosso più di successo in assoluto c’è questo prodotto Netflix, con una Anya Taylor-Joy assolutamente strepitosa e magnetica. Una ragazzina prodigio degli scacchi che dopo un’infanzia difficile si dedica ad un gioco che la assorbe completamente in quanto le attribuisce finalmente un controllo assoluto. Si tratta della miniserie più vista di sempre su Netflix, che ha fatto impennare le vendite di scacchiere in ogni angolo del pianeta.

The Mandalorian

Già due stagioni disponibili su Disney+ che raccontano uno spaccato affascinante dell’universo di Star Wars. Una vera e propria perla del suo genere, guidata dal sapiente Jon Favreau che con le sue idee ha dato vita ad una storia brillante, moderna ma con una strizzatina d’occhio alle serie sci-fi dei decenni scorsi.

The Umbrella Academy

La seconda stagione di questa serie prodotta da Netflix è risultata ancora più entusiasmante e fascinosa della prima. Nuovo giro, nuova apocalisse per i fratelli dotati di poteri strabilianti. Ancora una volta con una colonna sonora curata mirabilmente e di grande effetto, proprio come la fotografia e gli effetti speciali. E con la new entry del personaggio interpretato da Ritu Arya che insaporisce ancor di più il racconto. Il finale di stagione crea l’hype giusto per i dieci episodi della terza stagione ancora da girare.

Suburra

Il 2020 è stato anche l’anno che ha visto la chiusura definitiva su Netflix della serie Suburra. Una stagione che regala ancora una volta colpi di scena e un ritmo ancor più serrato, con nuovi scorci di Roma a fare da scenario alle imprese criminali delle simpatiche canaglie Spadino e Aureliano. Con un grande Alessandro Borghi e un Filippo Nigro altrettanto brillante.

Vis a vis – El Oasis

Per accostarsi alla visione di questa nuova stagione, sempre su Netflix, è bene dimenticare il più possibile quanto visto in precedenza. Tra l’altro tutto risulta comprensibile anche senza aver visto le quattro stagioni precedenti. Troviamo ancora un mix di thriller e commedia ad accompagnare le nuove gesta di Macarena e Zulema, con salti temporali in avanti e indietro e una gradevole colonna sonora.

Print Friendly, PDF & Email
5 1 Voto
Vota Articolo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Clicca qui e lasciaci un commento! Grazie.x
()
x
Enable Notifications    OK No thanks